×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.
Stampa

Grande interesse a Vernio per l'incontro Un pomeriggio con i Conti Bardi. Una finestra sulla vita ai tempi del feudo con i luoghi, le dimore e la musica del duo Battiston-Bellugi

 

La visita a VernioErano in molti sabato pomeriggio a Vernio, pronti a fare un salto nel passato e a rivivere per qualche ora i tempi del feudo di Vernio e dei conti Bardi che per secoli ne furono i signori. Un pomeriggio con i Conti Bardi, organizzato dal Comune di Vernio, dalla Rete dei Comuni Bardiani e dall'Accademia Bardi, ha aperto una finestra su luoghi, dimore e personaggi, andando a caccia di notizie nell'archivio custodito al secondo piano del Casone con l'architetto Marta Papi, sulle leggi del tempo con Rita Gualteri e sulla musica dell'epoca con Alessandro Magini e il concerto del duo Battiston-Bellugi.

“Il nostro evento si inserisce nel programma 2016 che la Rete dei Comuni Bardiani ha organizzato in Toscana, il territorio su cui questa grande e longeva famiglia ha lasciato forse più segni tangibili della propria presenza economica, sociale e culturale – spiega l'assessore alla Cultura Maria Lucarini che insieme al sindaco Giovanni Morganti ha fatto gli onori di casa ai numerosi ospiti – E' sempre un onore poter raccontare l'affascinante storia di Vernio e tutti i personaggi che hanno lasciato il loro segno sul nostro territorio, rendendolo ricco di testimonianze di un passato importante”.

LA RETE DEI COMUNI BARDIANI - Nata nel 2013 su iniziativa dell'Accademia Bardi, del centro Studium Faesulanum e dell'Opera di Santa Croce di Firenze, è costituita dai Comuni che conservano testimonianze della presenza della famiglia nel loro territorio. Della rete fanno parte infatti anche oltre Vernio, Prato, Greve in Chianti, Fiesole e Bagno a Ripoli.