AVVISO DI AGGIORNAMENTO DELL’ELENCO DI NOMINATIVI E CURRICULA DI PROFESSIONISTI DA INTERPELLARE PER L'AFFIDAMENTO DI SERVIZI TECNICI

AVVISO DI AGGIORNAMENTO DELL’ELENCO DI NOMINATIVI E CURRICULA DI PROFESSIONISTI DA INTERPELLARE PER L'AFFIDAMENTO DI SERVIZI TECNICI DI IMPORTO INFERIORE A 40.000€ (APPROVATO CON LA DETERMINA DIRIGENZIALE N. 571/2018)

Selezioni pubbliche in corso

Cliccare qui per tutte le informazioni  

AVVISO PUBBLICO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI, STAGIONE SPORTIVA 2019/2020

SCADENZA: 31 LUGLIO 2019 ORE 13.00

vedere allegati

Esami idoneità professionale autotrasportatore di merci per conto terzi e di persone su strada. Anno 2019: 1 Sessione d'esame del giorno 29 Maggio. Esiti

Esami idoneità professionale autotrasportatore di merci per conto terzi e di persone su strada. Anno 2019: 1 Sessione d'esame del giorno 29 Maggio. Esiti

ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DEI TITOLI DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DI AUTOTRASPORTATORE DI MERCI E PERSONE 1° Sessione d’esame anno 2019 - 29 Maggio - RETTIFICA - Elenco candidati ammessi ed esclusi

RETTIFICA - Elenco candidati ammessi

 

ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DEI TITOLI DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DI AUTOTRASPORTATORE DI MERCI E PERSONE 1° Sessione d’esame anno 2019 - 29 Maggio Elenco candidati ammessi

Elenco candidati ammessi (Approvato con determinazione dirigenziale n. 542 del 23.05.2019)

 

PRIMA SESSIONE ESAME AUTOTRASPORTATORI 2019

Calendario per la prima sessione dell'esame per autotraportatore di cose e merci e relativi moduli

Diario delle prove - Concorso ingegnere

Per tutti i dettagli cliccare qui

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER L’ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE DI UN IMMOBILE DA DESTINARE A SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

Scadenza ore 13.00 del 1/4/2019

 

 

Nomina e designazione dei rappresentanti della Provincia di Prato in enti, aziende, istituzioni e società partecipate - come candidarsi

Nomina e designazione dei rappresentanti della Provincia di Prato in enti, aziende, istituzioni e società partecipate - come candidarsi

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

 

Ad accogliere i “piccoli ambasciatori di Pace” i rappresentanti della Provincia e dei Comuni
PRATO – Sta per concludersi il soggiorno dei bambini Saharawi ospiti sul nostro territorio dall'inizio di luglio. Prima di tornare nel campo profughi di Tinduf i “piccoli ambasciatori di Pace” hanno incontrato questa mattina nel salone consiliare di palazzo Buonamici i rappresentanti della Provincia e dei Comuni pratesi. Ad accogliere gli 11 bambini, di età compresa tra gli otto e i quattordici anni, erano presenti la consigliera provinciale Paola Tassi, la presidente del consiglio comunale di Prato Ilaria Santi e i sindaci di Vaiano Primo Bosi, di Poggio a Caiano Marco Martini, di Montemurlo Mauro Lorenzini e di Vernio Giovanni Morganti.
Il gruppo dei piccoli Saharawi nel salone consiliare
Ogni anno l'accoglienza a un gruppo di bambini provenienti dalla tendopoli di Tinduf, nel Sahara, è resa possibile dagli accordi siglati fra Provincia, tutti i Comuni pratesi, il coordinamento Toscano di sostegno alla Repubblica Saharawi e l'associazione Ban Slout Larbi. Grazie al protocollo, rinnovato annualmente fin dal 1997, i piccoli non solo possono usufruire di un periodo di tranquillità in strutture adeguate alle loro esigenze di bambini ma anche effettuare visite mediche e controlli sanitari. Quest'anno i piccoli hanno soggiornato nelle strutture messe a disposizione a Montemurlo dall'associazione La storia camminata. Dopo uno scambio di doni i piccoli hanno pranzato al fresco del giardino Buonamici.
Nel corso della visita è stata ribadita la necessità di un impegno di sensibilizzazione, nei confronti dei governi, per il riconoscimento del diritto di cittadinanza di questo popolo che vive esiliato da quaranta anni nel deserto algerino dell’Hammada dopo l'invasione da parte del Marocco del territorio del Sahara.