CHIUSURA UFFICIO PROTOCOLLO IL 16.8.19

CHIUSURA UFFICIO PROTOCOLLO IL 16.8.19

Si avvisa la gentile utenza che il giorno 16 agosto l'Ufficio Protocollo della Provincia di Prato sarà chiuso al pubblico.

Avviso rivolto alle associazioni/ cooperative senza scopo di lucro per manifestazione di interesse a divenire Antenne territoriali antidiscriminazione

Avviso manifestazione di interesse . Avviso rivolto alle associazioni/ cooperative senza scopo di lucro per manifestazione di interesse a divenire Antenne territoriali antidiscriminazione

Scadenza 23 agosto 2019 alle ore 13,00

AVVISO DI AGGIORNAMENTO DELL’ELENCO DI NOMINATIVI E CURRICULA DI PROFESSIONISTI DA INTERPELLARE PER L'AFFIDAMENTO DI SERVIZI TECNICI

AVVISO DI AGGIORNAMENTO DELL’ELENCO DI NOMINATIVI E CURRICULA DI PROFESSIONISTI DA INTERPELLARE PER L'AFFIDAMENTO DI SERVIZI TECNICI DI IMPORTO INFERIORE A 40.000€ (APPROVATO CON LA DETERMINA DIRIGENZIALE N. 571/2018)

Selezioni pubbliche in corso

Cliccare qui per tutte le informazioni  

AVVISO PUBBLICO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI, STAGIONE SPORTIVA 2019/2020

SCADENZA: 31 LUGLIO 2019 ORE 13.00

vedere allegati

Esami idoneità professionale autotrasportatore di merci per conto terzi e di persone su strada. Anno 2019: 1 Sessione d'esame del giorno 29 Maggio. Esiti

Esami idoneità professionale autotrasportatore di merci per conto terzi e di persone su strada. Anno 2019: 1 Sessione d'esame del giorno 29 Maggio. Esiti

ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DEI TITOLI DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DI AUTOTRASPORTATORE DI MERCI E PERSONE 1° Sessione d’esame anno 2019 - 29 Maggio - RETTIFICA - Elenco candidati ammessi ed esclusi

RETTIFICA - Elenco candidati ammessi

 

ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DEI TITOLI DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DI AUTOTRASPORTATORE DI MERCI E PERSONE 1° Sessione d’esame anno 2019 - 29 Maggio Elenco candidati ammessi

Elenco candidati ammessi (Approvato con determinazione dirigenziale n. 542 del 23.05.2019)

 

PRIMA SESSIONE ESAME AUTOTRASPORTATORI 2019

Calendario per la prima sessione dell'esame per autotraportatore di cose e merci e relativi moduli

Diario delle prove - Concorso ingegnere

Per tutti i dettagli cliccare qui

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Castellani, Cecconi, Pacini, Saletti
Da sinistra Aurora Castellani, Alessia Cecconi, Federica Pacini e Patrizia Saletti

Le fabbriche pratesi, le donne della Valbisenzio diventate operaie e la loro protesta contro la guerra, le storie inedite di uomini e ragazzi che hanno combattuto la Grande Guerra in trincea, ma anche qui, lontano dal fronte.

locandina mostra

E' questo il grande affresco della mostra Dietro la grande guerra, curata dalla Fondazione CDSE e dal Comune di Vaiano in collaborazione con la Croce Rossa di Prato e il Museo della Deportazione e Resistenza, che si inaugura alla Villa del Mulinaccio sabato 17 ottobre alle 16 e che è accompagnata da un corposo calendario di eventi.

Questa mattina a palazzo Buonamici l'assessore alla Cultura del Comune di Vaiano Federica Pacini, la direttrice della Fondazione CDSE Alessia Cecconi, Patrizia Saletti della Croce Rossa di Prato e Aurora Castellani, presidente della Fondazione Museo della Deportazione e Resistenza hanno illustrato i contenuti della mostra, che sarà visitabile fino al 29 novembre.

E' uno degli eventi di punta per il Comune, allestimento, contenuti e cornice, la splendida villa del Mulinaccio, sicuramente costituiscono un mix di successo – commenta l'assessore di Vaiano Federica Pacini – Speriamo di avere tanto pubblico e abbiamo lavorato per offrire contenuti interessanti alle scuole e una serie di eventi collaterali che arricchiscano la mostra. Il 15 novembre avremo anche una visita guidata in inglese per gli ospiti di That's Prato”.

L'idea da cui nasce la mostra è di raccontare il territorio lontano dal fronte. Abbiamo utilizzato l'archivio fotografico e le testimonianze orali del CDSE per creare pannelli e installazioni video – racconta la direttrice del CDSE Alessia Cecconi – E potremo vedere anche le prime tavole, firmate dall'illustratore Marco Perna, della Graphic novel sulla marcia pacifista del 1917”.

La collaborazione per questo allestimento fa parte del lavoro di rete per la costruzione della memoria collettiva del territorio – ha detto la presidente del Museo della Deportazione Aurora Castellani – Abbiamo lavorato su Mauthausen campo di prigionia nella prima guerra, dove alcuni pratesi furono rinchiusi e dove qualcuno tornò, arrestato nel marzo del 1944, anche come deportato”.

Per questo nuovo appuntamento con la storia abbiamo ricostruito una infermieria da campo con oggetti d'epoca che fa parte del percorso didattico pensato per le scuole”, ha concluso Patrizia Saletti della Croce Rossa.

corsia ospedale militare

La mostra si inserisce nelle celebrazioni per il centenario della Prima Guerra Mondiale e ha lo scopo di mettere in luce il contributo logistico, economico e soprattutto umano del territorio pratese durante il periodo 1915-1918. Suggestive foto d’epoca, la documentazione inedita scovata nell’archivio CRI di Prato, in cui si ritrovano le tracce di un interessante rapporto – su bellissime carte intestate - tra l’Unione Industriali di Prato e la Croce Rossa, i tessuti e le coperte prodotte dalle fabbriche ausiliarie per l’esercito e gli strumenti medici usati nei punti di primo soccorso allestiti da CRI al Convitto Cicognini e al Buzzi raccontano storie di grande interesse.

Ai visitatori dell'allestimento parleranno anche le testimonianze giunte dall'Archivio di Mauthausen, che raccontano dell’esistenza e dell’utilizzo di questo campo anche nel primo conflitto mondiale e dei molti pratesi tenuti lì prigionieri. E parleranno i disegni originali della graphic novel dedicata a Teresa Meroni e alla marcia delle donne per la pace del 1917. C'è anche l'emozionante stanza dei ricordi, una sezione dedicata alle storie esemplari di uomini e donne del nostro territorio che a vario titolo hanno vissuto e combattuto la Grande Guerra. Lettere dal fronte, oggetti personali, testimonianze tramandate di generazione in generazione tengono vivo il filo della memoria. Molta attenzione sarà dedicata anche all’aspetto didattico e di divulgazione per le scuole, per cui saranno organizzate visite guidate ad hoc.

Ricco, come si diceva, il calendario EVENTI IN MOSTRA, a partire dall'inaugurazione con visita guidata del 17 ottobre. Alla visita guidata della mostra si potrà partecipare anche nelle domeniche 8, 15 e 29 novembre, sempre alle 16. Sabato 7 novembre (ore 16) La Croce Rossa nella Grande Guerra: l’altro volto del coraggio, conferenza a cura della CRI di Prato con Damiano Leonetti e Patrizia Saletti. Sabato 21 novembre (ore 16) I giocattoli durante la Grande Guerra, costruiamoli insieme con stoffa e legno, laboratorio a cura di Francesca Bernini. Sabato 28 novembre (ore 16) E anche a i’ mi’ marito tocca andar. Voci e canti fra la trincea e il focolare, con Nicola Pecci, Daniele Poli, Fabio Cavaciocchi e il coro della Sartoria e della Scuola di musica di Vaiano. Infine un evento collaterale mercoledì 28 ottobre dalle 9.30 alle 16.30 alla Biblioteca Roncioniana di Prato Giornata di studi: Prato e la Grande Guerra.

Dietro la grande guerra è a ingresso libero e anche le visite guidate sono gratuite, dal 17 ottobre al 29 novembre con il seguente orario: sabato ore 15-19, domenica 10-13 e 15-19. Gruppi e scuole su prenotazione anche in altro orario. Per informazioni www.comune.vaiano.po.it, 338 7852103, www.fondazionecdse.it, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..


Fabbrica Forti

DIETRO LA GRANDE GUERRA

Spazi e temi nell'allestimento su due piani della villa del Mulinaccio

La mostra è divisa in sezioni, al PIANO INFERIORE della villa del Mulinaccio 5 sale sono organizzate per grandi temi. I numeri della Grande Guerra, con il quadro politico ed economico dell’Europa nel 1915-1918 attraverso le illustrazioni della Domenica del Corriere e le cartoline d’epoca. In fabbrica per l’esercito, in fabbrica per lottare, cosa producevano i grandi lanifici pratesi per il Ministero della Guerra? Che rapporto esisteva tra l’Unione Industriali e la Croce Rossa? Cosa fece innescare la scintilla della protesta operaia a La Briglia nel 1916? Sarà possibile scoprirlo grazie a tessuti originali, a documentazione inedita e suggestive foto d’epoca. Teresa Meroni e la marcia delle donne, un appassionato racconto per immagini di questa straordinaria donna a capo della Lega Laniera e dell'incredibile protesta per la pace partita dalle donne della Valdibisenzio nel luglio 1917. Voci dal fronte, una video installazione fa rivivere le storie e le emozioni dei tanti ragazzi del territorio pratese spediti in trincea. Le lettere e le cartoline originali prendono vita e ci raccontano la Grande Guerra dei soldati e dei prigionieri. L’emergenza sanitaria e l’impegno della Croce Rossa, suggestive foto degli ospedali militari allestiti da CRI presso il convitto Cicognini, l’istituto Buzzi e palazzo Vaj, le poco conosciute esperienze dei punti di soccorso in vallata, come il Convalescenziario di Usella presso la Villa Guicciardini insieme a prezioso e particolare materiale sanitario d’epoca. Al PIANO SUPERIORE il Comitato provinciale di CRI ha allestito un'infermieria da campo del 1915 con arredi, materiali sanitari e uniformi originali del periodo 1915-1918, realizzata anche grazie alla collaborazione di Crapanzano Miltaria, azienda di Vernio che restaura e commercia oggetti militari d'epoca. E poi la stanza dei ricordi, la guerra raccontata attraverso le lettere dal fronte, gli oggetti personali, le testimonianze familiari. Infine due sale dedicate a Dalla guerra di Libia alla Grande Guerra, un percorso didattico pensato per i più piccoli in cui i grandi temi legati alla I Guerra Mondiale (le fabbriche, la fame, le emigrazioni, la Spagnola…) dialogano con la microstoria dei personaggi locali e della loro memoria.