×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.
Stampa

manifesto mostra

Un grande affresco quello della mostra Dietro la grande guerra, curata dalla Fondazione CDSE e dal Comune di Vaiano in collaborazione con la Croce Rossa di Prato e il Museo della Deportazione e Resistenza, che racconta il conflitto lontano dal fronte. Domani, sabato 17 ottobre, alle 16 la mostra apre i battenti alla Villa del Mulinaccio e una visita guidata accompagna l'inaugurazione dell'allestimento.

La mostra si inserisce nelle celebrazioni per il centenario della Prima Guerra Mondiale e ha lo scopo di mettere in luce il contributo logistico, economico e soprattutto umano del territorio pratese durante il periodo 1915-1918. Suggestive foto d’epoca, la documentazione inedita scovata nell’archivio CRI di Prato, in cui si ritrovano le tracce di un interessante rapporto – su bellissime carte intestate - tra l’Unione Industriali di Prato e la Croce Rossa, i tessuti e le coperte prodotte dalle fabbriche ausiliarie per l’esercito e gli strumenti medici usati nei punti di primo soccorso allestiti da CRI al Convitto Cicognini e al Buzzi raccontano storie di grande interesse.

Ai visitatori dell'allestimento parleranno anche le testimonianze giunte dall'Archivio di Mauthausen, che raccontano dell’esistenza e dell’utilizzo di questo campo anche nel primo conflitto mondiale e dei molti pratesi tenuti lì prigionieri. E parleranno i disegni originali della graphic novel dedicata a Teresa Meroni e alla marcia delle donne per la pace del 1917. C'è anche l'emozionante stanza dei ricordi, una sezione dedicata alle storie esemplari di uomini e donne del nostro territorio che a vario titolo hanno vissuto e combattuto la Grande Guerra. Lettere dal fronte, oggetti personali, testimonianze tramandate di generazione in generazione tengono vivo il filo della memoria. Molta attenzione sarà dedicata anche all’aspetto didattico e di divulgazione per le scuole, per cui saranno organizzate visite guidate ad hoc.

Dietro la grande guerra è a ingresso libero e anche le visite guidate sono gratuite. La mostra rimarrà aperta dal 17 ottobre al 29 novembre con il seguente orario: sabato ore 15-19, domenica 10-13 e 15-19. Gruppi e scuole su prenotazione anche in altro orario. Per informazioni www.comune.vaiano.po.it, 338 7852103, www.fondazionecdse.it, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..