CHIUSURA UFFICIO PROTOCOLLO IL 16.8.19

CHIUSURA UFFICIO PROTOCOLLO IL 16.8.19

Si avvisa la gentile utenza che il giorno 16 agosto l'Ufficio Protocollo della Provincia di Prato sarà chiuso al pubblico.

Avviso rivolto alle associazioni/ cooperative senza scopo di lucro per manifestazione di interesse a divenire Antenne territoriali antidiscriminazione

Avviso manifestazione di interesse . Avviso rivolto alle associazioni/ cooperative senza scopo di lucro per manifestazione di interesse a divenire Antenne territoriali antidiscriminazione

Scadenza 23 agosto 2019 alle ore 13,00

AVVISO DI AGGIORNAMENTO DELL’ELENCO DI NOMINATIVI E CURRICULA DI PROFESSIONISTI DA INTERPELLARE PER L'AFFIDAMENTO DI SERVIZI TECNICI

AVVISO DI AGGIORNAMENTO DELL’ELENCO DI NOMINATIVI E CURRICULA DI PROFESSIONISTI DA INTERPELLARE PER L'AFFIDAMENTO DI SERVIZI TECNICI DI IMPORTO INFERIORE A 40.000€ (APPROVATO CON LA DETERMINA DIRIGENZIALE N. 571/2018)

Selezioni pubbliche in corso

Cliccare qui per tutte le informazioni  

AVVISO PUBBLICO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI, STAGIONE SPORTIVA 2019/2020

SCADENZA: 31 LUGLIO 2019 ORE 13.00

vedere allegati

Esami idoneità professionale autotrasportatore di merci per conto terzi e di persone su strada. Anno 2019: 1 Sessione d'esame del giorno 29 Maggio. Esiti

Esami idoneità professionale autotrasportatore di merci per conto terzi e di persone su strada. Anno 2019: 1 Sessione d'esame del giorno 29 Maggio. Esiti

ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DEI TITOLI DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DI AUTOTRASPORTATORE DI MERCI E PERSONE 1° Sessione d’esame anno 2019 - 29 Maggio - RETTIFICA - Elenco candidati ammessi ed esclusi

RETTIFICA - Elenco candidati ammessi

 

ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DEI TITOLI DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DI AUTOTRASPORTATORE DI MERCI E PERSONE 1° Sessione d’esame anno 2019 - 29 Maggio Elenco candidati ammessi

Elenco candidati ammessi (Approvato con determinazione dirigenziale n. 542 del 23.05.2019)

 

PRIMA SESSIONE ESAME AUTOTRASPORTATORI 2019

Calendario per la prima sessione dell'esame per autotraportatore di cose e merci e relativi moduli

Diario delle prove - Concorso ingegnere

Per tutti i dettagli cliccare qui

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Il volume di Giovanni Petracchi è un piccolo compendio di termini e modi di dire pratesi

PRATO Se ti dicono chiorbóne non è un offesa, si intende semplicemente sottolineare l'evidente testardaggine, ma se ti appellano con un barbòcchio o babbalèo … beh forse è il caso di riflettere se l'ingenuità non sta sconfinando nella scempiaggine. Modi di dire, termini pratesi che nel tempo sono andati perduti ma che Giovanni Petracchi ha voluto ricordare nel suo volume “Detti e parole della terra di Prato, edito da Polistampa, che sabato 31 ottobre (ore 17) sarà presentato a palazzo Buonamici dall'autore insieme a Urano Corsi e Francesco Venuti.

Petracchi, pratese d'adozione e vaianese di nascita, si dedica da tempo di ricerche storiche, linguistiche e di costume del suo territorio. Sa bene che dietro agli appellativi, ai detti e alle espressioni più o meno colorite del dialetto è racchiuso un modo di vivere e sentire, un insieme di usi e tradizioni che vengono da lontano e di cui ancora oggi c’è traccia. Così ha iniziato la sua ricerca in parte sui libri, ma soprattutto per strada, nei mercatini, sull’autobus (perché il tram, anzi il tràmme, non c’è più).

Rispetto ad alcuni fortunati predecessori, il libro di Petracchi allarga il suo sguardo al territorio circostante, includendo tante espressioni della vallata, e poi ci sono i piatti tradizionali, compresi i celebri biscotti di Prato, e le cartoline d’epoca, una piccola collezione che spazia per tutto il Novecento: guardando Palazzo Pretorio com’era nel 1916, o un panorama di Galceti negli anni ’50, sembra proprio di sentire voci dal passato che parlano di panni e cenci.