×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.
Stampa

villa di Poggio a Caiano
La villa medicea di Poggio a Caiano

Consiglio provinciale bipartisan per la cultura. Ieri pomeriggio sono state infatti approvate all'unanimità dall'assemblea di palazzo Buonamici la mozione presentata da Tommaso Bertini del Pd sulla tutela paesaggistica della villa medicea di Poggio a Caiano in relazione ai cartelli pubblicitari installati sulla SR 66 e l'ordine del giorno di Andrea Bonacchi, di Forza Prato Insieme, per scongiurare i tagli ai finanziamenti regionali per Teatro Mestastasio, Camerata strumentale e Festival delle Colline.

La mozione di Bertini parte dal regolamento di tutela dei beni inseriti nel sito UNESCO Ville e giardini medicei, che individua una zona tampone attorno alla villa medicea comprendente anche un tratto della SR 66 dove attualmente sono ubicati numerosi cartelloni pubblicitari autorizzati dal Regolamento per la disciplina della pubblicità sulle strade provinciali, per la sicurezza stradale e l'armonia del paesaggio.

L'intorno territoriale dei patrimoni UNESCO è tutelato anche in funzione della salvaguardia estetico-percettiva – ha spiegato Bertini – La cartellonistica presente, oltre a trovarsi all'interno della zona tampone, oscura la percezione della villa per chi arriva da Seano in prossimità del parco del Bargo. In questo particolare caso credo che si debba privilegiare la tutela paesaggistica e sacrificare l'interesse economico della Provincia”. La mozione chiede quindi una modifica del regolamento che vieti le installazioni nella zona tampone UNESCO della villa. Sulla questione sono intervenuti il vice presidente della Provincia Emiliano Citarella, che si è detto d'accordo sulla necessità di preservare in ogni modo la bellezza del sito della villa, e il consigliere Andrea Bonacchi, che ha parlato della necessità di intervenire anche sui tanti casi di “inquinamento visivo soprattutto in ambiente urbano, a causa della cartellonistica e di insegne luminose invasive”.

teatro Metastasio, esterno
Il Teatro Metastasio

L'ordine del giorno di Bonacchi riguardava invece la riduzione dei finanziamenti regionali a sostegno di Teatro Metastasio, Camerata Strumentale e Festival delle Colline, “istituzioni e manifestazioni che da sempre hanno avuto un ruolo cruciale per l'offerta culturale sul territorio e che rappresentano un riconosciuto patrimonio per tutta la Regione”, ha spiegato. L'ordine del giorno fa quindi proprio l'impegno dei consiglieri regionali, dei sindaci dei Comuni della Provincia e dei rappresentanti delle istituzioni perché le risorse economiche siano incrementate e sostenuta la missione di promozione culturale. Sul tema è intervenuto anche il presidente della Provincia Matteo Biffoni che ha sottolineato come “si debba tenere alta l'attenzione sugli investimenti per la cultura, soprattutto in un momento di difficoltà di molti enti e sponsor privati”.