Informazioni sull'utilizzo dei mezzi pubblici rivolto agli studenti ed alle studentesse per l'inizio del nuovo anno scolastico fornite da CAP Autolinee con la campagna “Ripartiamo Insieme”

Informazioni sull'utilizzo dei mezzi pubblici rivolto agli studenti ed alle studentesse per l'inizio del nuovo anno scolastico fornite da  CAP Autolinee con la campagna “Ripartiamo Insieme”.

La campagna si articola su 3 macrotemi: Servizio, Sicurezza e Bigliettazione e racconta le azioni messe in campo dall’azienda e sensibilizza sui corretti comportamenti da tenere a bordo del bus, al fine di prevenire la diffusione del Covid-19.

Buona ripartenza!

Selezioni pubbliche in corso

Cliccare qui per tutte le informazioni

AGEVOLAZIONI CONCESSE A SEGUITO DELLA EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID - 19 AI TITOLARI DI CONTRATTI DI CONCESSIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETÀ DELLA PROVINCIA DI PRATO AD USO NON ABITATIVO

Entro il 15 luglio 2020 gli interessati possono presentare domanda per ottenere il contributo previsto con Atto del Presidente della Provincia di Prato n. 46 del 28.5.2020 e Determinazione Dirigenziale n. 799 del 2.7.2020, con le modalità di cui al seguente avviso:

 

Avviso rivolto a soggetti del terzo settore per manifestazione di interesse a divenire antenna antidiscriminazione

Avviso e allegati

Sospensione pagamenti canoni per concessione impianti sportivi

In attuazione di quanto disposto dal Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 (convertito in legge n. 27/20209 "Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19." è sospeso il pagamento dei canoni dovuti per la concessione degli impianti sportivi provinciali, fino al 31 maggio 2020.

Si riporta il testo della norma: " Art. 95 (Sospensione versamenti canoni per il settore sportivo)1. Per le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva, le società e associazioni sportive,professionistiche e dilettantistiche, che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato, sono sospesi, dalla data di entrata in vigore del presente decreto e fino al 31 maggio 2020, i termini per il pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici dello Stato e degli enti territoriali. 2. I versamenti dei predetti canoni sono effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di giugno 2020."

CORONAVIRUS (COVID- 19) - LA PROVINCIA DI PRATO CONTINUA AD EROGARE I SERVIZI CON LE MODALITA' DEL LAVORO AGILE

Al fine del contenimento e della prevenzione del contagio da Covid – 19, fino alla fine del periodo di emergenza stabilito dal Governo, il personale della Provincia di Prato lavorerà con le modalità del lavoro agile.

Nonostante le difficoltà organizzative legate a questo particolare momento di emergenza, gli uffici potranno quindi essere contattati telefonicamente nei normali orari di apertura al fine di trattare le pratiche per via telefonica e telematica.

L'Ufficio Protocollo riceverà le comunicazioni solo per via telematica all'indirizzo PEC :

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In via eccezionale, considerata l'impossibilità di recevere le comunicazioni cartacee, all' indirizzo sopra ricordato si potrà scrivere anche utilizzando un indirizzo mail ordinario (non di posta elettronica certificata).

Sarà nostra cura rispondervi sempre con la massima celerità ai numeri sotto indicati.

POLIZIA LOCALE: 0574-534472; 0574-534480;

UFFICIO MOTORIZZAZIONE: 0574–534407; 534750; 534412;

UFFICIO PROTOCOLLO: 0574-534530; 534606;

UFFICIO TECNICO:

• URBANISTICA ED EDILIZIA: 0574-534573; 534439; 534218;
• VIABILITA’/PERMESSI E CONCESSIONI: 0574-534573; 534439; 534269; 534748;
• AMBIENTE: 0574-534430;

SEGRETERIA GENERALE: 0574-534416; 534505;

UFFICIO RAGIONERIA: 0574-534639; 534626;

UFFICIO LEGALE: 0574-534541;

UFFICIO ISTRUZIONE E SOCIALE: 0574-534592; 534579;

UFFICIO PROVVEDITORATO: 0574-534519;

UFFICIO PERSONALE: 0574-534595; 534522;

Vi ringraziamo per la collaborazione.

Accordo attività di autoscuola

In allegato l'accordo tra Governo, Regioni ed Enti locali concernente l'adozione di moduli unificati e standardizzati per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze relativamente all'avvio delle attività di autoscuola.

Proroghe termini per emergenza sanitaria coronavirus

In allegato l'avviso del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Coronavirus (Covid- 19). Norme di comportamento ed informazioni utili

Coronavirus (Covid- 19). Norme di comportamento ed informazioni utili….

La Direttiva n.1  del 25/02/2020 della Presidenza del Consiglio dei Ministri prevede che le amministrazioni nelle zone non soggette a misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID – 19, continuino ad assicurare, in via ordinaria la normale apertura degli uffici pubblici e il regolare svolgimento di tutte le attività istituzionali.

Al fine di prevenire, comunque, situazioni di contagio si invitano gli utenti degli uffici aperti al pubblico, a privilegiare laddove possibile, le modalità telematiche di presentazione delle pratiche.

Qualora non fosse possibile, si prega di contattare, telefonicamente, l’ufficio di riferimento che darà un appuntamento allo scopo di evitare sovraffollamento degli uffici.

Al fine di dare ampia diffusione delle informazioni di prevenzione rese note dalle autorità competenti conformemente a quanto previsto dalla direttiva stessa, si invita a visitare il sito...

Portale Nuovo Coronavirus Ministero della Salute

contenente in particolare:

  1. DECALOGO DELLE REGOLE DA SEGUIRE
  2. NUMERI DI EMERGENZA
  3. CORRETTO LAVAGGIO DELLE MANI .

Nuovo Coronavirus: dieci comportamenti da seguire

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Palazzo Buonamici

Dal 1° gennaio 2016 la Provincia di Prato ha un nuovo volto, in sostanza assume concretamente l'identità dell'ente di area vasta disegnato dalla Legge Del Rio prima e dalla legge regionale poi.

Il riordino delle funzioni provinciali trasferisce alcune competenze alla Regione e ai Comuni, strutturando il nuovo ente su un pacchetto di compiti fondamentali che interessano principalmente le strade provinciali e le scuole superiori.

In queste ore stiamo continuando a lavorare sulla trasformazione dell'ente con l'obiettivo di mantenere la qualità dei servizi al cittadino e anche di costruire un nuovo assetto, funzionale al ruolo di sostegno ai Comuni che la legge affida agli enti di area vasta – spiega il vice presidente della Provincia Emiliano Citarella - In primo piano manterremo l'attenzione alle competenze fondamentali, anzitutto scuole e strade”.

Vediamo cosa succede dal punto di vista del cittadino. Le funzioni fondamentali che restano alla Provincia riguardano anzitutto la programmazione provinciale della rete scolastica e l'edilizia scolastica. Resta alla Provincia la competenza su tutte le scuole superiori per ciò che riguarda manutenzione ordinaria, straordinaria, impianti di qualsiasi genere e nuovi interventi. Le scuole medie superiori del territorio sono 11 (Liceo Copernico, Liceo Livi, Istituto d'Arte di Montemurlo, Gramsci-Keynes, Dagomari, Datini, Marconi, Liceo classico Cicognini, liceo psicopedagogico Rodari, Buzzi) con circa 10.500 iscritti.

Altra funzione fondamentale riguarda la costruzione e gestione delle strade provinciali e la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade regionali (mentre progettazione e costruzione tornano alla Regione). Le strade provinciali sono 11 per un totale di 42 chilometri (1 Di Montepiano, 2 Del Carigiola, 3 Dell’Acquerino, 4 Nuova Montalese, 5 Lucchese per Prato, 6 Autostrada declassata, 7 Di Iolo, 8 Traversa di Val d’Ombrone, 9 Di Comeana e 9bis Variante di Comeana, 10 Di Pietramarina, 11 Traversa di Carmignano). A queste si aggiungono le regionali 325 e 66. In totale si tratta di circa 80 chilometri di strade.

Sul trasporto pubblico l'ente mantiene la funzione fondamentale di pianificazione e programmazione dei servizi extraurbani e di coordinamento e programmazione della rete territoriale. Fino all'entrata in funzione del nuovo gestore regionale continuerà anche ad occuparsi dell'assegnazione e della gestione del servizio. Anche dopo l'assegnazione proseguirà il monitoraggio e la vigilanza della qualità del servizio e gestirà l'osservatorio della mobilità. Rimane anche la gestione delle autorizzazioni, il controllo in materia di trasporto privato e la pianificazione territoriale di coordinamento. Infine il controllo dei fenomeni discriminatori in ambito occupazionale e la promozione delle pari opportunità.

La Polizia provinciale resta nell'organico della Provincia e continua a esercitare i compiti di vigilanza svolti finora, anche nell'ambito delle funzioni che sono state trasferite. La sede della Polizia provinciale non sarà più a palazzo Novellucci, ma a palazzo Buonamici, in via Ricasoli 25.

Dal 1° di gennaio saranno effettivi i trasferimenti del personale relativo alle funzioni che passano di mano, circa 40 persone alla Regione e 4 al Comune di Prato. Dei 140 dipendenti che la Provincia aveva all'inizio del 2015 ne resteranno nel 2016 una sessantina. Oltre ai trasferimenti ci sono stati una serie di pensionamenti e alcune mobilità verso il Ministero di Grazia e Giustizia.

Diventano regionali la programmazione e la gestione dei servizi e delle politiche attive del lavoro, in sostanza i Centri per l’impiego. Sarà garantita la continuità dei servizi sulle funzioni di collocamento, incrocio domanda-offerta, disoccupazione, orientamento e integrazione con la formazione. La sede di via Galcianese 20 funzionerà con gli stessi orari e la FIL continuerà ad offrire i medesimi servizi. Il telefono rimane 0574 613211, il fax 0574 607850 e la mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

La gestione delle crisi aziendali, delle procedure di mobilità, delle comunicazioni on line al collocamento e del collocamento obbligatorio dei disabili saranno attivi all'ufficio regionale del lavoro al piano terra di Palazzo Novellucci, in via Cairoli 25.

Da gennaio però non saranno più attivi gli sportelli di anagrafe del lavoro dei Comuni perché il Jobs Act prevede l'iscrizione al collocamento obbligatoriamente on line. Per ora ci si potrà iscrivere anche al Centro per l'impiego.

Sempre a palazzo Novellucci in via Cairoli 25 ci saranno gli uffici regionali territoriali per quanto riguarda agricoltura, gestione rifiuti, difesa del suolo, qualità dell'aria, inquinamento acustico e tutela delle acque, valutazioni e autorizzazioni ambientali, gestione energia compreso il controllo degli impianti termici di climatizzazione.