×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.
Stampa

Centro di Scienze naturali

Il Consiglio provinciale ha approvato nella seduta di martedì 22 dicembre le tappe e gli indirizzi per il progetto di fusione della Fondazione Prato Ricerche, che gestisce il Museo di Scienze planetarie per conto della Provincia, nel nuovo Parco della scienza e della cultura (Fondazione Parsec) del quale il Comune di Prato sarà il socio fondatore e in cui a sua volta si trasformerà il Centro di Scienze Naturali. A favore ha votato il gruppo Pd mentre il consigliere di FPI Andrea Bonacchi si è astenuto.

L'integrazione fra Fondazione Prato Ricerche e Centro di Scienze naturali, con la nascita del Parco della scienza e della cultura, rappresenta un progetto per la valorizzazione del patrimonio complessivo, dalle collezioni all'attività didattica, dalla ricerca al ruolo culturale - ha detto il presidente della Provincia Matteo Biffoni – L'obiettivo comune di Provincia e Comune di Prato, che sarà il socio fondatore e finanzierà il nuovo soggetto culturale, è di dare continuità al lavoro fatto in questi anni e allargare le opportunità educative e culturali ottenendo anche vantaggi economici - con la razionalizzazione delle strutture - e strategici - con la diversificazione dell'offerta in campo ambientale”.

Museo di Scienze planetarie

La sede in prospettiva sarà unica, contigua al parco del CSN. Qui saranno riallestite le collezioni di meteoriti e di minerali, le biblioteche del CSN e della Prato Ricerche, con l'intento di dar vita a un centro di documentazione scientifica naturalistica e di protezione civile e ambientale grazie a un patrimonio di quasi diecimila testi. Il progetto del Comune di Prato punta a offrire servizi migliori all'utenza accrescendo l'offerta didattica e educativa e quindi l'attrattiva per i visitatori. Il futuro Parsec potrà anche favorire la creazione di un indotto riguardo ad attività culturali, ricreative e sportive, sulle strutture circostanti l'area del parco.

In pratica nella Fondazione Parsec confluiranno la gestione del Museo di Scienze planetarie e delle collezioni possedute dal CSN, delle biblioteche ambientali e scientifiche, l'attività delle stazioni sismografiche, la gestione delle aree naturalistiche, le attività di studio e di ricerca, quelle educative e i servizi culturali.

Il progetto nasce all'interno del più generale processo di razionalizzazione delle partecipate della Provincia di Prato, alla luce del riordino delle funzioni. Le tappe comprendono principalmente la redazione e l'approvazione del progetto vero e proprio e l'atto notarile di fusione. La Provincia rimarrà socio sostenitore, senza versare quote ma concedendo in diritto di comodato gratuito l'immobile dove attualmente ha sede il Museo di Scienze planetarie e la collezione.