AVVISO PER CONCESSIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIALI PER LA STAGIONE SPORTIVA 2018-2019


In esecuzione del Regolamento Provinciale approvato con Deliberazione C.P n. 69 del 20.12.1995 e s.m.i. e con Deliberazione n. 69 del 16.09.1998 e Deliberazione n. 29 del 17.03.2004 e Atto delPresidente n. 90 del 02.07.2018 e con determinazione n. 889 del 4/07/2018 con le quali sono state stabilite le modalità di concessione in uso delle palestre provinciali per la stagione sportiva 2018/2019
SI AVVISANO I SEGUENTI SOGGETTI:
Enti Promozionali, a tutte le Federazioni sportive del CONI, alle Associazioni e Società Sportive ;
CON IL PRESENTE AVVISO LA PROVINCIA INTENDE CONCEDERE IN USO, NELLA FORMA DELL'AUTOGESTIONE, GLI SPAZI NELLE PALESTRE PROVINCIALI
I termini per la presentazione delle domande di utilizzo delle palestre provinciali in orario extrascolastico è stabilito
ENTRO E NON OLTRE LE ORE 13:00 DI VENERDI' 20 LUGLIO
in allegato l'elenco completo delle palestre con le relative tariffe e caratteristiche d'uso.
La domanda compilata sulla modulistica allegata “RICHIESTA DI UTILIZZO IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIALI” deve essere presentata presso il protocollo generale in Via Ricasoli, 35 – 59100 Prato, o trasmessa via PEC all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

AVVISI DI MOBILITA' IN CORSO

Al seguente link è possibile consultare gli

Avvisi di mobilità in corso

Nomina e designazione dei rappresentanti della Provincia di Prato in enti, aziende, istituzioni e società partecipate - come candidarsi

Che cos'è
Il Presidente nomina rappresentanti dell'Amministrazione Provinciale in enti, aziende, istituzioni e società partecipate.

Ai sensi del Regolamento sugli indirizzi per la nomina e designazione dei rappresentanti della Provincia presso enti, aziende, istituzioni e società partecipate, l'Amministrazione Provinciale raccoglie le manifestazioni di interesse dei cittadini e il Presidente nomina fra gli interessati chi dovrà ricoprire l'incarico.
L'elenco delle cariche in scadenza nel documento allegato a fondo pagina. L'elenco sarà aggiornato annualmente, o ogni volta che sarà necessario per sopravvenuta decadenza o dimissioni.

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda...

Leggi tutto...
×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

 

Il bosone di Higgs, i primissimi secondi dopo il Big Bang, ma anche il Cern di Ginevra e la velocità della luce: sono gli ingredienti di un racconto che parte dalle origini dell'Universo e indaga il funzionamento di una scoperta, una particella così fondamentale da essere impropriamente ribattezzata la “particella di Dio”. L'appuntamento, promosso dalla sezione pratese di CafféScienza, è in programma martedì 19 gennaio (ore 21) a palazzo Buonamici e vedrà Roberto Casalbuoni, del dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Firenze, condurre gli ospiti in un viaggio affascinante fra teorie, esperimenti, risultati e implicazioni scientifiche. A moderare l'incontro Franco Bagnoli, dipartimento di Fisica e Astronomia & CSDC dell'Università di Firenze, introduzione a cura di Antonio Mauro, responsabile sezione pratese di CafféScienza.

Il bosone di Higgs è una particella elementare, cioè non è composta da altre particelle più piccole. Ma come nasce e come funziona? Perché è così importante, quali sono i rapporti che lo legano ai costituenti dell'universo, cos'è la 'materia oscura' e soprattutto perché non possiamo viaggiare alla velocità della luce? Sono tantissime le curiosità che si legano al tema del bosone, la cui conferma sperimentale della previsione teorica, formulata da Peter Higgs e François Englert nel 1964, ha richiesto quasi mezzo secolo di tempo e il lavoro di un migliaio di fisici, oltre alla costruzione del più grande e costoso strumento scientifico mai realizzato: il Large Hadron Collider (Lhc) del Cern (Centro Europeo Ricerche Nucleari) di Ginevra. Proprio a dirigere il Cern nel 2016 è stata nominata l'italiana Fabiola Giannotti, un riconoscimento all’Italia e ai suoi ricercatori che proprio al Cern hanno contribuito al fiorire di numerose scoperte scientifiche e tecnologiche con importanti risvolti in campo medico, lo sviluppo di materiali superconduttivi testati in condizioni estreme, o i progressi dell'elettronica iper-veloce e delle tecniche di immagazzinamento e processamento dati.