×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.
Stampa

 Giovanni Morganti, sindaco di Vernio

Il sindaco di Vernio Giovanni Morganti interviene in merito all'impianto sportivo del Ciorniolo, oggetto di alcuni articoli pubblicati recentemente sulla stampa locale.

Vorrei anzitutto fare un po' di chiarezza in una vicenda che vede coinvolte due importanti società sportive del nostro territorio, la Vaianese Impavida Vernio e la Podistica Cesare Battisti, le quali, in piena autonomia, stanno concretizzando la forma adeguata di collaborazione anche grazie all'impegno dell’amministrazione comunale. Il Comune infatti si è fatto promotore di un tavolo di discussione e abbiamo anche deciso di investire alcune risorse, se pur minime, per rendere l’impianto fruibile anche ai podisti che utilizzeranno la pista di atletica.

Stiamo parlando di due eccellenze del volontariato sportivo che qualcuno sta cercando di mettere l’una contro l’altra. E colgo qui l’occasione per sottolineare i lusinghieri risultati sportivi dell'Impavida e oltre a questo li ringrazio per la cura e l’attenzione con cui mantengono l'impianto, un vero e proprio fiore all’occhiello per l’intera area provinciale. L'Impavida ha dimostrato inoltre una disponibilità non scontata nel mettere a disposizione la struttura, che gestisce in piena legittimità, in forza di una convenzione con il Comune stipulata in seguito all'aggiudicazione di un bando di evidenza pubblica. Considero poi prezioso lo storico impegno della Podistica Cesare Battisti, che quest’anno festeggia quarant'anni. L'obiettivo della Podistica è di rafforzare la presenza a Vernio, prova ne è la ricerca della collaborazione con l'Impavida, proprio per consentire ai propri atleti di allenarsi senza doversi spostare.

Invece sulla stampa alcuni consiglieri del gruppo di minoranza di Vernio fomentano una polemica tesa a politicizzare una questione che di politico non ha nulla, con l'obiettivo di creare un caso che gli stessi dirigenti delle due società giudicano inesistente.

La stessa consigliera Solari ha sottolineato come “Ogni azione a livello pubblico deve essere rivolta a promuovere l’attività fisica dato che ha valenze formative, aggregative e consente uno sviluppo sano dei giovani”. Raccolgo la sollecitazione, ma sottolineo anche che a un terzo del mandato il mio personale impegno e il lavoro dell'assessore Barbara Di Sciullo hanno già portato risultati importanti.

Insieme alle associazioni e ai volontari, indispensabili in particolare nel momento storico che viviamo, abbiamo visto affacciarsi per la prima volta a Vernio la pallavolo, il Ju-jitsu, il Karate, le attività fitness e la Zumba e le avvincenti discipline di X-treme Valley. Con l’Impavida Giovani abbiamo organizzato le giornate di sport e disabilità “L’Appennino vien giocando” e con i volontari dell’Asd Montepiano siamo riusciti, nonostante risorse comunali risicate, a difendere un presidio importantissimo per gli sport estivi come l’impianto della Badia di Montepiano. E poi le attività all'aria aperta, lanciate dall’associazione Val Bisenzio Vertical, che oltre a gestire una delle pareti di arrampicata più importanti della zona da quest'anno propone, in collaborazione con i Comuni di Vernio e Cantagallo, escursioni guidate sulla neve. Oppure la collaborazione con le Proloco, il Gruppo Trekking e il Cai per le escursioni e le iniziative come la “Festa della Montagna” e “Da Piazza a Piazza”.

Non mi resta che invitare la consigliera Solari, vice presidente nazionale della Commissione sport ANCI, a constatare di persona quanto di buono a Vernio c’è. Anzi l'occasione sarà preziosa per chiederle di far valere il suo ruolo in ANCI e portare all’attenzione nazionale i bisogni del nostro territorio.