×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.
Stampa

 

Ponte Manetti, Biffoni: “La Provincia ha confermato le risorse in bilancio ma non può spenderle. Rossi conosce molto bene le difficoltà finanziarie delle Province, ci aiuti”

Ponte Manetti, il progetto vincitore
Ponte Manetti, il progetto vincitore

PRATO “Il ponte Manetti è uno degli interventi inseriti nel piano delle opere pubbliche della Provincia dal 2012, ben prima della mia elezione, ed è stato confermato anche nel bilancio di quest'anno. E' purtroppo noto a tutti che il patto di stabilità ha di fatto paralizzato l'azione della Provincia fino ad oggi. Il presidente Rossi conosce molto bene la situazione d'emergenza che riguarda tutti i bilanci delle Province toscane, ci aiuti”. Così il presidente della Provincia, Matteo Biffoni, risponde all'intervento del presidente della Regione che, in risposta all'appello giunto da un gruppo di cittadini e amministratori poggesi, ha sollecitato la Provincia di Prato ad attivarsi. “Sarei ben felice di realizzare il collegamento tra le Cascine di Tavola e la villa medicea di Poggio - prosegue Biffoni - Di fatto gli interventi sul fronte delle opere pubbliche, nonostante la disponibilità di risorse provinciali, sono state sempre bloccate dal patto di stabilità. Qui non si tratta di ritardi o di mancata azione amministrativa, il sindaco di Poggio e il presidente della Regione lo sanno bene – sottolinea Biffoni - Di fatto anche il 2016 si profila come un anno di estrema difficoltà. Oltre al ponte Manetti, ci sono interventi importanti da realizzare come quelli che riguardano le scuole secondarie superiori, dove il consistente aumento del numero degli studenti richiede di agire con urgenza. C'è poi tutta la viabilità provinciale, a partire dalla SR 325 dove occorre concludere il piano della messa in sicurezza fino ad arrivare ad alcune situazioni che definirei di emergenza come la frana sulla SP2 su cui da troppo tempo i vincoli imposti al nostro bilancio ci hanno impedito di intervenire. Su tutti questi problemi e sulle priorità da individuare ci confronteremo con i sindaci”.