×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.
Stampa

Progetto musica per Gramsci-Keynes, Dagomari e Marconi. 40 studenti (anche delle serali) alla Scala di Milano con Orizzonti armonici per l'opera La Cena delle Beffe su libretto del pratese Sem Benelli

La conferenza stampa

La rappresentazione a Milano de La cena della Beffe è l'occasione per un gruppo di ragazzi e studenti del Gramsci-Keynes, del Dagomari e del Marconi di partecipare alla messa in scena della Scala dell'opera scritta su libretto del pratese Sem Benelli da Umberto Giordano.

Questa mattina la consigliera provinciale delegata all'Istruzione Paola Tassi e la preside del Gramsci-Keynes Grazia Maria Tempesti, insieme ai docenti Gerardo Furzi del Dagomari e Valeria Ippoliti del Marconi hanno presentato l'iniziativa con Filippo Coralli, coordinatore del progetto Orizzonti Armonici a cui collabora anche Goffredo Gori.

“E' un progetto di valore a cui ho cercato fin dall'inizio di dedicare impegno e tutto il sostegno possibile”, ha detto la consigliera Tassi. “Conoscere da vicino quest'opera poco nota significa anche riappropriarsi di un pezzo di storia e cultura cittadina – ha detto la preside Tempesti – Il lavoro sulla musica nelle nostre scuole va avanti ormai da due anni con A scuola d'opera e le adesioni, come l'interesse, stanno crescendo”. Sia Furzi che Ippoliti hanno sottolineato l'entusiasmo con cui i progetti vengono seguiti. “Per gli studenti del serale del Dagomari, che di frequente sono ormai adulti e stranieri, è un'occasione preziosa per avvicinarsi alla cultura italiano. Abbiamo 110 iscritti e ben 80 frequentano il progetto musicale. E l'anno scorso l'attività ha prodotto anche più di 50 abbonamenti al Metastasio”, ha aggiunto Furzi. “I nostri ragazzi coinvolgono anche i genitori e le famiglie, anche questo è un segnale importante”, ha aggiunto Ippoliti.

Saranno 40 gli studenti che con i loro insegnanti arriveranno a Milano domenica 10 aprile per assistere alla rappresentazione pomeridiana dell'opera, diretta da Riccardo Chailly, il nuovo direttore musicale della Scala. Rappresentazione che sarà preceduta, alle 14, dalla visita guidata al museo del teatro. Orizzonti Armonici intanto sta organizzando delle lezioni preparatorie, una in marzo e una in aprile che si svolgeranno nell'auditorium del Gramsci-Keynes e saranno aperte a tutta la cittadinanza.

Coralli e Gori hanno ripercorso l'origine del progetto, che prese forma con le celebrazioni verdiane e con l'Educazione all'ascolto, lezioni propedeutiche ai concerti della Camerata strumentale. Il percorso di educazione alla musica promosso da Orizzonti Armonici nelle scuole superiori intende avvicinare gli studenti alla conoscenza, all'approfondimento e all'ascolto della musica classica. Due le linee di intervento nella quali si muove l'operazione, il coinvolgimento degli studenti in lezioni-concerto e la promozione della conoscenza dell'opera lirica, anche attraverso un viaggio emozionale nel teatro d’opera. Il percorso didattico vede quindi il coinvolgimento con la Scala di Milano e un approfondimento di studio e ricerca su Sem Benelli.

La Cena delle Beffe è un'opera in quattro atti di Umberto Giordano su libretto di Sem Benelli. A Prato l'opera non è mai stata rappresentata. Avrebbe dovuto celebrare l'inaugurazione del Politeama pratese nel 1925 ma il progetto non vide la luce. Celebre è invece la versione in prosa, scritta da Sem Benelli nel 1908, e interpretata da alcuni dei maggiori attori dell'epoca. Particolarmente famosa è la versione interpretata da Clara Calamai e Amedeo Nazzari diretta da Blasetti.

ORIZZONTI ARMONICI - L’associazione Orizzonti Armonici nasce nel 2014 come naturale prosecuzione dell’esperienza del progetto La musica nella cultura: per un ascolto consapevole della Camerata Strumentale Città di Prato e raccoglie artisti, insegnanti, alunni ed ex-alunni che intendono proseguire il percorso di ascolto e approfondimento della musica classica.