AGEVOLAZIONI CONCESSE A SEGUITO DELLA EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID - 19 AI TITOLARI DI CONTRATTI DI CONCESSIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETÀ DELLA PROVINCIA DI PRATO AD USO NON ABITATIVO

Entro il 15 luglio 2020 gli interessati possono presentare domanda per ottenere il contributo previsto con Atto del Presidente della Provincia di Prato n. 46 del 28.5.2020 e Determinazione Dirigenziale n. 799 del 2.7.2020, con le modalità di cui al seguente avviso:

 

Avviso rivolto a soggetti del terzo settore per manifestazione di interesse a divenire antenna antidiscriminazione

Avviso e allegati

Sospensione pagamenti canoni per concessione impianti sportivi

In attuazione di quanto disposto dal Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 (convertito in legge n. 27/20209 "Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19." è sospeso il pagamento dei canoni dovuti per la concessione degli impianti sportivi provinciali, fino al 31 maggio 2020.

Si riporta il testo della norma: " Art. 95 (Sospensione versamenti canoni per il settore sportivo)1. Per le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva, le società e associazioni sportive,professionistiche e dilettantistiche, che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato, sono sospesi, dalla data di entrata in vigore del presente decreto e fino al 31 maggio 2020, i termini per il pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici dello Stato e degli enti territoriali. 2. I versamenti dei predetti canoni sono effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di giugno 2020."

CORONAVIRUS (COVID- 19) - LA PROVINCIA DI PRATO CONTINUA AD EROGARE I SERVIZI CON LE MODALITA' DEL LAVORO AGILE

Al fine del contenimento e della prevenzione del contagio da Covid – 19, fino alla fine del periodo di emergenza stabilito dal Governo, il personale della Provincia di Prato lavorerà con le modalità del lavoro agile.

Nonostante le difficoltà organizzative legate a questo particolare momento di emergenza, gli uffici potranno quindi essere contattati telefonicamente nei normali orari di apertura al fine di trattare le pratiche per via telefonica e telematica.

L'Ufficio Protocollo riceverà le comunicazioni solo per via telematica all'indirizzo PEC :

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In via eccezionale, considerata l'impossibilità di recevere le comunicazioni cartacee, all' indirizzo sopra ricordato si potrà scrivere anche utilizzando un indirizzo mail ordinario (non di posta elettronica certificata).

Sarà nostra cura rispondervi sempre con la massima celerità ai numeri sotto indicati.

POLIZIA LOCALE: 0574-534472; 0574-534480;

UFFICIO MOTORIZZAZIONE: 0574–534407; 534750; 534412;

UFFICIO PROTOCOLLO: 0574-534530; 534606;

UFFICIO TECNICO:

• URBANISTICA ED EDILIZIA: 0574-534573; 534439; 534218;
• VIABILITA’/PERMESSI E CONCESSIONI: 0574-534573; 534439; 534269; 534748;
• AMBIENTE: 0574-534430;

SEGRETERIA GENERALE: 0574-534416; 534505;

UFFICIO RAGIONERIA: 0574-534639; 534626;

UFFICIO LEGALE: 0574-534541;

UFFICIO ISTRUZIONE E SOCIALE: 0574-534592; 534579;

UFFICIO PROVVEDITORATO: 0574-534519;

UFFICIO PERSONALE: 0574-534595; 534522;

Vi ringraziamo per la collaborazione.

Accordo attività di autoscuola

In allegato l'accordo tra Governo, Regioni ed Enti locali concernente l'adozione di moduli unificati e standardizzati per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze relativamente all'avvio delle attività di autoscuola.

Proroghe termini per emergenza sanitaria coronavirus

In allegato l'avviso del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Coronavirus (Covid- 19). Norme di comportamento ed informazioni utili

Coronavirus (Covid- 19). Norme di comportamento ed informazioni utili….

La Direttiva n.1  del 25/02/2020 della Presidenza del Consiglio dei Ministri prevede che le amministrazioni nelle zone non soggette a misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID – 19, continuino ad assicurare, in via ordinaria la normale apertura degli uffici pubblici e il regolare svolgimento di tutte le attività istituzionali.

Al fine di prevenire, comunque, situazioni di contagio si invitano gli utenti degli uffici aperti al pubblico, a privilegiare laddove possibile, le modalità telematiche di presentazione delle pratiche.

Qualora non fosse possibile, si prega di contattare, telefonicamente, l’ufficio di riferimento che darà un appuntamento allo scopo di evitare sovraffollamento degli uffici.

Al fine di dare ampia diffusione delle informazioni di prevenzione rese note dalle autorità competenti conformemente a quanto previsto dalla direttiva stessa, si invita a visitare il sito...

Portale Nuovo Coronavirus Ministero della Salute

contenente in particolare:

  1. DECALOGO DELLE REGOLE DA SEGUIRE
  2. NUMERI DI EMERGENZA
  3. CORRETTO LAVAGGIO DELLE MANI .

Nuovo Coronavirus: dieci comportamenti da seguire

Consultazione pubblica per suggerimenti sul piano per la prevenzione della corruzione e dell'illegalità 2020-2022

Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link:

http://www2.comune.prato.it/avvisi/2019/archivio17_12_538_446_25.html

Esami anno 2019 per il conseguimento dei titoli di idoneità professionale per l’esercizio dell’attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto

Esame per il conseguimento dei titoli di idoneità professionale per l’esercizio dell’attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto.

16/01/2020 pubblicata errata corrige con determinazione dirigenziale n. 29

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

 

Nel 2015 contestati 210 reati, denunciate 61 persone, elevate 367 sanzioni amministrative in materia ambientale, caccia, tutela degli animali e codice della strada

PRATO – Tutela ambientale, soprattutto in materia di rifiuti, caccia, con interventi mirati di lotta al bracconaggio, tutela degli animali e del codice della strada, verifica delle strutture ricettive, tutela delle acque, della fauna ittica e della riserva naturale. Sono le principali materie di competenza del Corpo di Polizia Provinciale che nel corso del 2015 hanno portato alla redazione di 138 informative alla Procura, il 30% in più rispetto all'anno precedente, per un totale di 210 reati contestati (furono 164 nel 2014) e 61 persone denunciate.

Il bilancio di un anno di attività della Polizia provinciale è stato presentato questa mattina dal presidente della Provincia Matteo Biffoni insieme al comandante Michele Pellegrini e al direttore generale della Provincia Massimo Migani.

Il 2015 ha registrato un incremento degli interventi a tutela del territorio nonostante la diminuzione del numero degli agenti che sono calati di due unità rispetto all'anno precedente” – ha subito sottolineato Biffoni lasciando intuire il grande lavoro svolto dagli agenti di Polizia provinciale che attualmente sono solo 10 e coprono le esigenze di tutta la provincia - La loro azione è oltretutto preziosa in settori che sono particolarmente delicati, come quello ambientale e di gestione dei rifiuti” ha chiosato Biffoni.

Complessivamente il comando pratese è oggi composto da comandante e vice comandante, sette agenti e una collaboratrice amministrativa, un numero esiguo che gestisce una mole di interventi rilevante. Basta vedere i numeri.

Dei 210 reati contestati ben 62 sono in materia di rifiuti, 33 per la tutela della fauna, 63 per violazioni al codice penale, 26 per avvelenamenti di animali, 17 in materia di armi mentre altri 9 riguardano la normativa edilizia. 367 le sanzioni amministrative elevate, tra le quali 176 in materia di caccia, 73 per rifiuti e impianti termici non a norma, 109 in materia di codice della strada, 5 a tutela degli animali, 3 sul turismo e una in materia di veleni.

Nel corso della trasformazione dell'ente abbiamo fatto tutto il possibile per non disperdere il grande patrimonio di professionalità dei nostri agenti – ha detto Migani – Da quest'anno l'operatività è garantita da una convenzione con la Regione Toscana che ha permesso di lasciare inalterate le funzioni assegnate senza snaturare l'identità della Polizia provinciale.”

I risultati assegnano infine al Corpo un ruolo di primo piano nel contrasto all'illegalità, soprattutto in materia di gestione dei rifiuti tessili.

Il 2015 ci ha visto protagonisti di una vasta operazione contro il traffico abusivo di rifiuti che ha portato all'individuazione di aziende e numerosi soggetti che gestivano e trasportavano rifiuti senza la necessaria autorizzazione – ha sottolineato Pellegrini – L'attività di indagine ha portato al sequestro di 9 veicoli, 5 aree ed edifici con rifiuti e 700 balle di scarti tessili gestiti abusivamente.”

Al fine di adottare più incisive e tempestive iniziative di contrasto al fenomeno il Corpo ha attuato, all’interno del “Patto Prato Sicura”, servizi mirati in collaborazione con la Polizia Municipale di Prato.

TUTELA DEGLI ANIMALI – Consistente l'attività contro il fenomeno del bracconaggio che ha portato, anche attraverso perquisizioni domiciliari delegate dalla Procura, al sequestro di numerosi mezzi di caccia vietati (balestra, trappole, tagliole, reti, ecc), nonché il rinvenimento di uccelli vietati e particolarmente protetti. Sono stati sequestrati 71 capi di fauna, 123 munizioni, 24 mezzi vietati per la cattura di selvatici e 9 armi.

Nel corso del 2015 gli agenti si sono occupati anche di 34 casi di presunto avvelenamento di animali domestici o selvatici (numero raddoppiato rispetto al 2014), 11 hanno avuto esito positivo che ha portato alla morte di 6 animali (5 cani e 1 volpe).

COORDINAMENTO – Fra i compiti della Polizia provinciale vi è infine il coordinamento di tutta la vigilanza volontaria che conta 90 agenti, 77 sono guardie ittico/venatorie, 13 sono GAV, Guardie Ambientali Volontarie).

SEGNALAZIONI DEI CITTADINI – Importante il rapporto di collaborazione instaurato con i cittadini che negli ultimi 5 anni ha visto triplicare il numero delle richieste di intervento. Nel corso del 2015 gli agenti sono intervenuti 168 volte a seguito di richieste o segnalazioni rilevando 58 veicoli abbandonati su area privata che sommati a quelli già in carico dall'anno precedente hanno portato al ripristino o alla rottamazione di 66 veicoli complessivi (42 autovetture, 11 autocarri, 3 ciclomotori e 2 caravan). Rilevante in questo ambito la direzione della Procura di Prato e la collaborazione con tutte le forze di Polizia presenti sul territorio provinciale.