Annualità 2018: Selezioni pubbliche

Cliccare qui per tutte le informazioni

Avviso Partecipate

E' disponibile l'elenco degli enti partecipati aggiornato al 06.12.2018

Si fa presente che è possibile presentare la propria candidatura relativa al Museo del Tessuto fino alla data del 16.12 2018

Per maggiori informazioni cliccare qui

Consultazione pubblica per suggerimenti sul piano per la prevenzione della corruzione e dell'illegalità 2019-2020

Consultazione pubblica per suggerimenti sul piano per la prevenzione della corruzione e dell'illegalità 2019-2020

 Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link:

Avviso per antenne antidiscriminazione

ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DEI TITOLI DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DI AUTOTRASPORTATORE DI MERCI E PERSONE 2° Sessione d’esame anno 2018 - 16 ottobre - elenco candidati ammessi

Elenco ammessi 16 ottobre

dell'assegnazione degli spazi residui delle palestre provinciali, stagione sportiva 2018/2019

 Determinazione n. 1235 del 03/10/2018

Assegnazione palestre provinciali stagione sportiva 2018/2019. Integrazione disponibilità orarie palestra Gramsci-Keynes

Assegnazione palestre provinciali stagione sportiva 2018/2019. Integrazione disponibilità orarie palestra Gramsci-Keynes

Assegnazione palestre provinciali stagione sportiva 2018/2019. Approvazione avviso pubblico per assegnazione spazi residui

Assegnazione palestre provinciali stagione sportiva 2018/2019. Approvazione avviso pubblico per assegnazione spazi residui

AVVISO PER CONCESSIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIALI PER LA STAGIONE SPORTIVA 2018-2019

AVVISO PER CONCESSIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIALI PER LA STAGIONE SPORTIVA 2018-2019

ELEZIONI PROVINCIALI 2018

Al seguente link è consultabile il sito per le ELEZIONI PROVINCIALI 2018:

https://elezioni2018.provincia.prato.it

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Sabato 9 aprile alle 10.30 la cerimonia nella sala sala consiliare

immagine Saetti
Il Maestro Bruno Saetti

Il giardino del sole cambia casa e diventa parte integrante dell'anticamera della sala consiliare di Vernio. La Fondazione Prato Europa Futuro ha infatti deciso di donare l'opera del Maestro Bruno Saetti al Comune di Vernio e sabato 9 aprile alle 10.30 si terrà la cerimonia di consegna.

"Con questo generoso gesto la Fondazione riconosce la stretta relazione tra la comunità di Vernio e il Maestro, al quale proprio l'estate scorsa abbiamo dedicato una mostra-evento celebrativa", commenta il sindaco di Vernio Giovanni Morganti.

La Fondazione Prato Europa Futuro ha raccolto le sollecitazioni di alcuni ex militanti del Pci, tra cui Pierluigi Amerini e Arturo Pasquinelli, e deciso per la donazione, che il Comune ha accettato con grande favore alla luce dell'importante contributo culturale che il Mastro Saetti con la sua presenza e il suo lavoro ha dato al territorio.

Saetti nello studio
Bruno Saetti nel suo studio a Montepiano

Per anni l'opera ha arricchito gli spazi dei vari movimenti di sinistra del territorio di Vernio, ma da sabato sarà l'arredo più bello dell'anticamera della sala Consiliare del Comune. Fu lo stesso Saetti più di quarant'anni fa a regalare ai giovani militanti del Pci che organizzavano la Festa dell'Unità di Montepiano Il giardino del sole. Il Maestro infatti, che pur non si riconosceva in formazioni politiche particolari, simpatizzava per le forze politiche progressiste e l'opera rappresentò in qualche modo il suo contributo.

Fortissimo era poi il legame di Saetti con la comunità di Montepiano e di Vernio. Il suo studio era molto frequentato e in tanti, curiosi o appassionati, varcavano le soglie dell'atelier per discutere di arte, di società e di politica. L'attaccamento di Saetti a Vernio è testimoniato dai numerosi concorsi di pittura che organizzò personalmente a Montepiano, dalla stretta collaborazione con le amministrazioni dell'epoca, che gli riconobbero la cittadinanza onoraria, e dalle tante relazioni amicali e di stima con la comunità di Montepiano e Vernio.