ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DEI TITOLI DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DI AUTOTRASPORTATORE DI MERCI E PERSONE 1° Sessione d’esame anno 2019 - 29 Maggio Elenco candidati ammessi

Elenco candidati ammessi (Approvato con determinazione dirigenziale n. 542 del 23.05.2019)

 

PRIMA SESSIONE ESAME AUTOTRASPORTATORI 2019

Calendario per la prima sessione dell'esame per autotraportatore di cose e merci e relativi moduli

Diario delle prove - Concorso ingegnere

Per tutti i dettagli cliccare qui

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER L’ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE DI UN IMMOBILE DA DESTINARE A SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

Scadenza ore 13.00 del 1/4/2019

 

 

Nomina e designazione dei rappresentanti della Provincia di Prato in enti, aziende, istituzioni e società partecipate - come candidarsi

Nomina e designazione dei rappresentanti della Provincia di Prato in enti, aziende, istituzioni e società partecipate - come candidarsi

ELEZIONI PROVINCIALI 2019

Al seguente link è consultabile il sito per le ELEZIONI PROVINCIALI 2019:

https://elezioni2019.provincia.prato.it

Selezioni pubbliche in corso

Cliccare qui per tutte le informazioni

Consultazione pubblica per suggerimenti sul piano per la prevenzione della corruzione e dell'illegalità 2019-2020

Consultazione pubblica per suggerimenti sul piano per la prevenzione della corruzione e dell'illegalità 2019-2020

 Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link:

Avviso per antenne antidiscriminazione

Esami anno 2018 per idoneità professionale autotrasportatore di merci per conto terzi e di persone su strada. Esiti dell'esame

 

Esami anno 2018 per idoneità professionale autotrasportatore di merci per conto terzi e di persone su strada.   Esiti dell'esame

 

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

 

Una mostra e una conferenza sulla figura di Federico Ozanam, fondatore della San Vincenzo de Paoli. A Prato nel 2015 l'associazione ha aiutato 1.100 famiglie, complessivamente oltre 4.200 persone

PRATO Un evento articolato per far conoscere la figura di Federico Ozanam, fondatore della San Vincenzo de Paoli. Lo promuove la stessa San Vincenzo in collaborazione con la Biblioteca Roncioniana e l’associazione Cesare Guasti, con il patrocinio di Comune e Provincia di Prato. L'iniziativa, insieme al bilancio 2015 dell'attività della San Vincenzo a Prato, è stata presentata dal presidente della San Vincenzo Andrea Gori insieme al consigliere della direzione pratese Enrico Mencattini.

MOSTRA E CONFERENZA SU FEDERICO OZANAM - Dall’800 al 2016 Contemporaneità e Carità, Federico Ozanam è il titolo della mostra e della conferenza che intendono promuovere la conoscenza di Federico Ozanam, avvocato e letterato internazionale al quale si deve la nascita della San Vincenzo in Europa e nel mondo. La mostra, che da sabato 16 aprile sarà possibile visitare nel doppio allestimento di Palazzo Buonamici e nello Spazio Valentini, resterà aperta fino al 23 aprile. Ingresso libero LU/MA/ME 16/19 – GI/VE/SA/DO 10/13 e 16/19.

Si svolgerà invece nella sede della Biblioteca Roncioniana, sabato 16 aprile alle 16, la conferenza alla quale parteciperanno come relatori gli storici Giampiero Guarducci e Sergio Nannicini insieme a Don Enrico Bini.

Nel far conoscere la figura di Ozanam abbiamo voluto ricordare i rapporti che questi ebbe con molti letterati e illustri pratesi della metà dell’Ottocento – ha detto Mencattini – La mostra e la conferenza ripercorrono le tracce della storica visita del 1853 oltre all’influenza esercitata dai suoi insegnamenti in ambito caritativo e la nascita del nucleo pratese dell'associazione.”

Fra gli altri temi il legame profondo di Ozanam con la Prato risorgimentale e al contempo laboratorio di rinnovamento culturale e sociale; il legame culturale con Cesare Guasti e il tessuto fortemente religioso della città che nel periodo espresse ben quattro vescovi Toscani.

L’evento oltre ad aprire una riflessione su un personaggio storico di dimensione europea come Ozanam intende soffermarsi sull’attuale presenza operativa degli oltre 150 confratelli, impegnati al servizio dei poveri e degli emarginati.

In una lettera del 1853 si parla delle finalità dell'organizzazione e si fa riferimento alle 7 famiglie seguite – ha ricordato Gori – Oggi sono 1.100 le famiglie di cui ci occupiamo e complessivamente sono 4.200 le persone raggiunte.”

BILANCIO ATTIVITA' SAN VINCENZO DE PAOLI – I numeri ricordati da Gori sono sostanzialmente stabili rispetto allo scorso anno, è modificata però la tipologia. Stazionari i numeri di disoccupati e di persone in condizione di disagio economico seguiti, è invece incrementato notevolmente (+63%) il numero dei minori coinvolti in situazioni di povertà. In aumento anche le persone che si rivolgono ai Centri d’ascolto, principalmente per aiuti alimentari (+20% circa). All’interno di queste cifre va tenuto presente che la percentuale relativa alla presenza di immigrati resta maggioritaria (57%), raggiungendo il 63% nei centri di distribuzione di viveri e vestiario. In aumento (+16%) anche i casi di povertà conseguente a separazioni e divorzi. Alta la presenza di disagio psichico, con conseguente necessità di ricorrere a psicofarmaci non mutuabili. Grazie allo sforzo organizzativo la San Vincenzo è riuscita a incrementare del 7% le risorse da destinare, a queste si aggiunge la distribuzione di 68 tonnellate di viveri ottenuti gratuitamente (+10% rispetto al 2014), e di vestiario e mobili per un valore stimato di 45 mila euro. Da sottolineare che l’associazione si basa interamente sull'opera volontaria dei confratelli, con spese gestionali che rappresentano appena l’1,25% degli importi movimentati, spese per altro abbondantemente coperte dai contributi degli stessi confratelli che rappresentano il 6% delle entrate.

Un piccolo raggio di luce: la casella “persone uscite dallo stato di povertà” indica un saldo positivo di 14, risultato irrisorio rispetto ai 4200 assistiti ma importante poiché è il primo saldo positivo dopo diversi anni.

La San Vincenzo collaborazione inoltre con altre associazioni: Antiviolenza Donna, Centro d’Aiuto alla Vita, Emporio della Solidarietà, “Cittadinanza Attiva” per la concessione di crediti sociali e si è fatta ancora più intensa la collaborazione con i Servizi Sociali del Comune nel fronteggiare tempestivamente gli interventi non dilazionabili.