×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.
Stampa

Ospite a Vernio la chef bolognese Lucia Antonelli, ovvero la regina dei tortellini

Lucia Antonelli
Lucia Antonelli (foto G. Fiolo)

E' fissato per domenica 31 l'ultimo appuntamento del mese di luglio per Apriti Chiostro con un'ospite davvero speciale, la chef patron del ristorante La Taverna del Cacciatore di Castiglione dei Pepoli Lucia Antonelli.

La chef bolognese presenterà il suo libro Cucina di Frontiera - Ricette di montagna e di tradizione – spiega l'assessore alla Cultura di Vernio Maria Lucarini – Non solo. Lucia, ovvero la regina del Tortellino per aver vinto per due anni consecutivi un contest sul piatto simbolo di Bologna, armata di spianatoia e mattarello ci darà anche una dimostrazione di come si confezionano i veri tortellini”.

Domenica sarà presente a Vernio anche il sindaco di Castiglione dei Pepoli, Maurizio Fabbri. L'incontro sarà condotto dalla giornalista Livia Elena Laurentino.

Apriti Chiostro è la rassegna culturale estiva organizzata dall'assessorato alla Cultura del Comune di Vernio con spettacoli di teatro, musica, conversazioni sull'arte e presentazioni di libri.

Chi è Lucia Antonelli - Esperta nella preparazione della cacciagione, proposta in maniera più attuale e personale, non è da meno nei dolci legati alla tradizione montanara, come il budino di castagne e gli zuccherini. La sua cucina è un mix di territorio e tradizione tra passato e presente. A gennaio 2016 è stata scelta per far parte dell'Unione Ristoranti del Buon Ricordo con il piatto Tortellini con olio EVO toscano in cialda di Parmigiano. Il suo libro Cucina di frontiera – ricette di montagna e di tradizione, (Minerva edizioni, 2014) ha venduto oltre 2.500 copie e il ristorante è presente in diverse guide, Osterie d'Italia 2016 di Slow Food, La Città Golosa Bologna, I Magnifici 100, Bibenda 2017, Fuori Casello.