×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.
Stampa

Apriti Chiostro. Lunedì 8 agosto serata tra paesaggi, monumenti e ricette con Detti e Storie della terra di Prato di Giovanni Petracchi

il libro di Petracchi

Paesaggi, monumenti e ricette sono lo scenario dell'incontro fissato per lunedì 8 agosto nel chiostro del Casone dei Bardi a Vernio per la rassegna Apriti Chiostro.Giovanni Petracchi presenta infatti il suo libro Detti e Storie della terra di Prato, edito da Sarnus.

A partire dalle 21 l'autore e il professor Francesco Venuti intratterranno il pubblico con un tuffo nel dizionario del passato, arricchito da ricette tradizionali, cartoline e immagini d'epoca per rivivere la Prato dei nostri antenati e conoscere meglio quella dei giorni nostri. Il libro è infatti una ricca e colorata raccolta di vocaboli e fraseggi tipici pratesi. Gli esempi sono molti. A Prato se sei un po’ ingenuo ti chiamano barbòcchio, o peggio babbalèo. Se sei un poco di buono, gnorànte o mànfano. Se al contrario hai dei numeri, dovranno ammettere che sei un gànzo. Ma dietro agli appellativi, ai detti e alle espressioni più o meno colorite del dialetto pratese è sempre racchiuso un modo di vivere e sentire, un insieme di usi e tradizioni che vengono da lontano nel tempo e di cui ancora oggi c’è traccia.

Giovanni Petracchi è nato a Vaiano nel 1947. Diplomato in Ragioneria ha esercitato la professione di spedizioniere internazionale, ma da molti anni si dedica a ricerche storiche, linguistiche e di costume nel territorio che spazia dall’Appennino tosco-emiliano alla Piana di Prato. Ingresso libero.