Consiglio Provinciale del 23/11/2020

Seduta del 23.11.2020

BANDO DI CONCORSO - rinviato al 17 dicembre 2020

BANDO DI CONCORSO PER TITOLI ED ESAMI PER LA COPERTURA A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI N. 2 POSTI DI “FUNZIONARIO DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI” CAT. D DEL COMUNE DI POGGIO A CAIANO, DI CUI N. 1 POSTO RISERVATO A PERSONALE INTERNO AI

SENSI DELLART. 52 CO. 1-BIS DEL D.LGS. 165/2001 PROVE SCRITTE: RINVIO AL 17 DICEMBRE 2020:

 

Le prove scritte del concorso in oggetto previste in data 12 novembre 2020, sono rinviate al 17 dicembre 2020 .

 

CORONAVIRUS (COVID- 19) - LA PROVINCIA DI PRATO CONTINUA AD EROGARE I SERVIZI CON LE MODALITA' DEL LAVORO AGILE

Al fine del contenimento e della prevenzione del contagio da Covid – 19, fino alla fine del periodo di emergenza stabilito dal Governo, il personale della Provincia di Prato continua a lavorare con le modalità del lavoro agile. Gli uffici potranno quindi essere contattati telefonicamente nei normali orari di apertura al fine di trattare le pratiche per via telefonica e telematica. Solo in via eccezionale, là dove non sia possibile operare con tali modalità, sarà possibile fissare con i singoli Uffici un appuntamento in presenza presso la sede della Provincia.

L'Ufficio Protocollo riceverà le comunicazioni per via telematica all'indirizzo PEC  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  e, stante la straordinarietà della situazione, all' indirizzo sopra ricordato si potrà scrivere anche utilizzando un indirizzo mail ordinario (non di posta elettronica certificata). Anche l'Ufficio Protocollo fisserà appuntamenti in presenza solo in caso di effettiva necessità.

Gli Uffici della Provincia possono essere contattati ai seguenti numeri di telefono:

POLIZIA LOCALE: 0574-534472; 0574-534480;

UFFICIO MOTORIZZAZIONE: 0574–534527; 534407; 534750;

UFFICIO TECNICO:

  • URBANISTICA ED EDILIZIA: 0574-534573; 534439; 534218;
    • VIABILITA’/PERMESSI E CONCESSIONI: 0574-534573; 534439; 534269; 534748; 534239
    • AMBIENTE: 0574-534331;

SEGRETERIA GENERALE: 0574-534416; 534505;

UFFICIO RAGIONERIA: 0574-534639; 534626;

UFFICIO LEGALE: 0574-534541; 534640;

UFFICIO ISTRUZIONE E SOCIALE: 0574-534592; 534579;

UFFICIO PROVVEDITORATO: 0574-534519;

UFFICIO PERSONALE: 0574-534595; 534522;

UFFICIO PROTOCOLLO: 0574-534530; 534606.

Vi ringraziamo per la collaborazione.

U.O. TRASPORTI, MOTORIZZAZIONE E PROTEZIONE CIVILE. Prova d'esame del 21/10/2020 per il conseguimento del titolo d’idoneità professionale per l’esercizio dell’attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto. Approvazione verbale ed esito

Sessione 2020 - Esami per il conseguimento dei titoli di studio di idoneità professionale per l'esercizio dell'attività di autotrasportatore di merci e persone.

v. Allegati

Avviso di aggiornamento 2020 dell'elenco di nominativi e curricula di professionisti da interpellare per l'affidamento di servizi tecnici di importo inferiore a 40.000€, approvato con le determine dirigenziali nn. 571/2018 e 892/2019

data di scadenza presentazione domande  12 ottobre ore 13.00

Esame per il conseguimento del titolo di idoneita' professionale per esercizio della attivita' di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto. Elenco candidati ammessi e convocazione esame.

Si comunica che con Determinazione n. 1237 del 28/09/2020 sono stati stabiliti il luogo e la data dell'esame per il conseguimento del titolo di idoneita' professionale per esercizio della attivita' di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto ed è stato approvato l'elenco dei candidati ammessi.

In ottemperanza a quanto previsto dall'Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 70 del 02/07/2020 e dall'Allegato 1 alla medesima, di seguito si rende disponibile il modello di autocertificazione che i candidati ammessi saranno tenuti a compilare per poter accedere all'esame.

Informazioni sull'utilizzo dei mezzi pubblici rivolto agli studenti ed alle studentesse per l'inizio del nuovo anno scolastico fornite da CAP Autolinee con la campagna “Ripartiamo Insieme”

Informazioni sull'utilizzo dei mezzi pubblici rivolto agli studenti ed alle studentesse per l'inizio del nuovo anno scolastico fornite da  CAP Autolinee con la campagna “Ripartiamo Insieme”.

La campagna si articola su 3 macrotemi: Servizio, Sicurezza e Bigliettazione e racconta le azioni messe in campo dall’azienda e sensibilizza sui corretti comportamenti da tenere a bordo del bus, al fine di prevenire la diffusione del Covid-19.

Buona ripartenza!

Selezioni pubbliche in corso

Cliccare qui per tutte le informazioni

AGEVOLAZIONI CONCESSE A SEGUITO DELLA EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID - 19 AI TITOLARI DI CONTRATTI DI CONCESSIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETÀ DELLA PROVINCIA DI PRATO AD USO NON ABITATIVO

Entro il 15 luglio 2020 gli interessati possono presentare domanda per ottenere il contributo previsto con Atto del Presidente della Provincia di Prato n. 46 del 28.5.2020 e Determinazione Dirigenziale n. 799 del 2.7.2020, con le modalità di cui al seguente avviso:

 

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è l'ennesimo attacco da parte dei lupi a un gregge nella zona vicino a Montepiano. Il bragnelli suffolk 4 Montepianoanco ha attaccato in pieno giorno uccidendo una pecora gravida, ma il giorno prima era stato un ariete di circa 100 kg a essere aggredito e ucciso nella zona fra Vernio e Barberino del Mugello. Altri attacchi si sono susseguiti nei mesi scorsi sempre a spese di allevatori locali e della fauna selvatica mentre sono frequenti avvistamenti dei lupi in prossimità dei centri abitati.

Una situazione di emergenza che rischia di aggravarsi e che ha portato il sindaco di Vernio, Giovanni Morganti – che dà la notizia degli ultimi cruenti episodi - a prendere carta e penna per richiedere l'intervento della Regione. Il primo cittadino sottolinea la difficoltà a garantire un difficile equilibrio. “Se da una parte è necessario proteggere il lupo in quanto specie protetta, dall'altra è oltremodo necessario garantire sicurezza ad agricoltori e allevatori che hanno deciso di investire e lavorare presidiando e salvaguardando al tempo stesso il territorio dal rischio abbandono con tutte le conseguenze che questo porta”, scrive nella lettera indirizzata allo stesso presidente della Regione, Enrico Rossi, all'assessore all'agricoltura, Marco Remaschi, e al presidente della Provincia di Prato e di Anci Toscana Matteo Biffoni .

Vi invito a raccogliere questo mio appello e a lavorare a norme che consentano di superare l'emergenza permettendo, se necessario, di procedere a abbattimenti selettivi dei lupi, pratica che per altro esiste già per altre specie selvatiche come il cervo o il capriolo – scrive Morganti - Le nostre amministrazioni si sono sempre contraddistinte per una attenzione particolare alla tutela ambientale e alla difesa della fauna selvatica, oggi però è evidente che qualcosa si è rotto negli equilibri della nostra area. Storicamente, mai si era avuta una presenza così evidente del lupo – aggiunge Morganti nella sua lettera alla Regione - Oggi è necessaria una presa di posizione forte e decisa da parte delle istituzioni. Se è vero che il lupo è una specie protetta è ancor più vero che dobbiamo difendere e aiutare l’unico baluardo contro l'abbandono della montagna, chi difende il territorio dalle frane e dal dissesto idrogeologico. Non possiamo correre il rischio che queste persone si disinnamorino del loro lavoro per colpa di un predatore che in pochi minuti vanifica il lavoro di anni o a causa di un ungulato che distrugge il raccolto di un intera stagione. I lupi e gli ungulati rischiano di trasformarsi da potenziale risorsa naturalistica a sciagura che espone i territori a un abbandono con conseguenze disastrose su molti settori, da quello turistico ricettivo, che in questi anni sta provando ad emergere, a quello agricolo e della difesa del suolo. Non possiamo permetterci che i pochi avamposti dell'agricoltura montana vengano abbandonati.”

Insieme alla richiesta di una veloce presa in considerazione del problema, al fine di affrontare tempestivamente l'urgenza e prevenire ulteriori danni, l'appello chiede anche l'affiancamento di risorse più sostanziose e modalità semplificate per l'accesso ai fondi per la prevenzione e all'indennizzo per i danni provocati dagli animali selvatici.