AVVISO PER CONCESSIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIALI PER LA STAGIONE SPORTIVA 2018-2019


In esecuzione del Regolamento Provinciale approvato con Deliberazione C.P n. 69 del 20.12.1995 e s.m.i. e con Deliberazione n. 69 del 16.09.1998 e Deliberazione n. 29 del 17.03.2004 e Atto delPresidente n. 90 del 02.07.2018 e con determinazione n. 889 del 4/07/2018 con le quali sono state stabilite le modalità di concessione in uso delle palestre provinciali per la stagione sportiva 2018/2019
SI AVVISANO I SEGUENTI SOGGETTI:
Enti Promozionali, a tutte le Federazioni sportive del CONI, alle Associazioni e Società Sportive ;
CON IL PRESENTE AVVISO LA PROVINCIA INTENDE CONCEDERE IN USO, NELLA FORMA DELL'AUTOGESTIONE, GLI SPAZI NELLE PALESTRE PROVINCIALI
I termini per la presentazione delle domande di utilizzo delle palestre provinciali in orario extrascolastico è stabilito
ENTRO E NON OLTRE LE ORE 13:00 DI VENERDI' 20 LUGLIO
in allegato l'elenco completo delle palestre con le relative tariffe e caratteristiche d'uso.
La domanda compilata sulla modulistica allegata “RICHIESTA DI UTILIZZO IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIALI” deve essere presentata presso il protocollo generale in Via Ricasoli, 35 – 59100 Prato, o trasmessa via PEC all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

AVVISI DI MOBILITA' IN CORSO

Al seguente link è possibile consultare gli

Avvisi di mobilità in corso

Nomina e designazione dei rappresentanti della Provincia di Prato in enti, aziende, istituzioni e società partecipate - come candidarsi

Che cos'è
Il Presidente nomina rappresentanti dell'Amministrazione Provinciale in enti, aziende, istituzioni e società partecipate.

Ai sensi del Regolamento sugli indirizzi per la nomina e designazione dei rappresentanti della Provincia presso enti, aziende, istituzioni e società partecipate, l'Amministrazione Provinciale raccoglie le manifestazioni di interesse dei cittadini e il Presidente nomina fra gli interessati chi dovrà ricoprire l'incarico.
L'elenco delle cariche in scadenza nel documento allegato a fondo pagina. L'elenco sarà aggiornato annualmente, o ogni volta che sarà necessario per sopravvenuta decadenza o dimissioni.

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda...

Leggi tutto...
×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Gli operai dell'Unione Comuni della Val di Bisenzio e i boscaioli dell'Abat riportano a nuova vita l'anfiteatro di Giuliano Mauri a Luogomano. Bongiorno e Bugetti: “Opera d'arte ma anche patrimonio collettivo oggi rinnovato”

i boscaioli al lavoro

Hanno lavorato in tanti con l'attenzione e la cura necessari per recuperare un'opera assolutamente unica nel patrimonio dell'arte contemporanea toscana. L'anfiteatro di Giuliano Mauri, che nel 2007 a Luogomano realizzò l'ultima delle sue opere, è tornato a nuova vita grazie alla pazienza degli operai dell'Unione dei Comuni della Val di Bisenzio e dei boscaioli dell'AMAT, l'associazione dell'Alta Toscana.

Sabato 1 e domenica 2 ottobre, insieme, hanno portato a termine l'intervento di restauro. Gli operai hanno pensato alla ripulitura dell'area mentre i boscaioli hanno consolidato le due colonne crollate e ripristinato le parti mancanti dell'opera. All'interno di ogni colonna è stato piantato un acero e si è dotato l'esterno di una rete di difesa che consenta all'opera di restare protetta.

“Alla fine è scoppiata la festa – raccontano il sindaco di Cantagallo Guglielmo Bongiorno, promotore dell'operazione e la consigliera regionale Ilaria Bugetti, che di Cantagallo è stata sindaco per molti anni – I boscaioli hanno fatto un gran lavoro e adesso possiamo di nuovo apprezzare questa cattedrale della natura in tutta la sua maestosità”. A sostenere operai e boscaioli anche gli assessori della giunta di Cantagallo.

L'anfiteatro

Domenica è stato allestito il pranzo con animazione a cura dell'associazione Il tempo della rosa che ha sancito la conclusione dell'intervento di recupero. Una due giorni intensa, che rinnovato il significato di un'esperienza collettiva, partecipata. Al lavoro boscaioli e amici, che si sono alternati nell'opera: Ugo Ballini, Francesco Corsini, Massimo Turchi, Francesco Sarti, Simone Pini, Silvia Ciatti, Massimo Vannoni, Sauro Giraldi, Alessandro Logli, Daniele Lenzi e Massimo Giraldi. E alla festa c'erano anche Patrizia Massai, Enrico Vivarelli, Alessandro Polidori, Jacopo Guicciardini, Roberto Tozzi, Mauro Lucchesi, Annabruna Vivarelli, Antonella Chiari, Anna Battaglioli e Jessica Cipriani.

L'anfiteatro fu costruito nel 2007 (Mauri morì nel 2009) e la scelta del bosco di Luogomano non fu casuale. In quella radura Mauri percepiva qualcosa di sacro e la struttura doveva dare il senso dell’adunarsi, della comunità.