×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Trasferta pratese per il Tor des Géants, la gara di endurance trail più dura del mondo che si allontana dai sentieri valdostani per approdare nel Giardino Buonamici. Mercoledì 20 luglio(ore 21) gli organizzatori e alcuni dei partecipanti tor in tourche hanno concluso il percorso della gara saranno infatti protagonisti della serata-evento Tor in Tour, organizzata in collaborazione con I Maratonabili onlus di Prato e la Provincia all'interno del cartellone di eventi Oltre il giardino.

Insieme all'ideatrice della gara e presidente del Comitato organizzatore Alessandra Nicoletti sarà presente anche il vicepresidente della Provincia di Prato Emiliano Citarella che ha preso parte al Tor 2015. Molti i nomi di spicco dell'ambiente sportivo che solcheranno il palco del Buonamici, fra questi Franco Zomer, pesidente de I MaratonAbili e finisher del Tor des Géants, Marathon des Sables, Gobi March, Maurizio Monti, vicepresidente de I Maratonabili e finisher del Tor des Géants, Paolo Novellini, finisher del Tor des Géants 2011 e di nuovo sulla griglia di partenza del Tor 2016, e Giacomo Bonimini, istruttore Fidal e collaboratore di Santucci Running.

Insieme ai video e ai racconti di un’avventura sportiva senza paragoni si potranno scoprire i segreti dell'organizzazione complessa di una gara che si svolge in Val d'Aosta dal 2010. Il Tor des Géants è una corsa non competitiva che prevede un percorso ad anello lungo 330 km e un dislivello di 24000 metri. Un tracciato particolarmente duro ma altamente suggestivo con partenza e arrivo a Courmayeur e un premio per tutti i concorrenti che completano il percorso. Circa 800 i partecipanti alla prossima edizione (le iscrizioni sono già chiuse), provenienti dall'Italia e dal resto d'Europa, prevalentemente Francia, Spagna, Svizzera, Germania e Regno Unito ma anche Giappone e Cina.