Home Page » News e comunicati » I BAMBINI NEGLI SCATTI DI THOMAS BILLHARDT A PALAZZO BANCI

I BAMBINI NEGLI SCATTI DI THOMAS BILLHARDT A PALAZZO BANCI

I BAMBINI NEGLI SCATTI DI THOMAS BILLHARDT A PALAZ
ven 19 nov, 2021

Aprirà al pubblico sabato 20 novembre in occasione della “Giornata Mondiale dei diritti dei bambini” la mostra dal titolo “Bambini del mondo”, del famoso fotografo tedesco Thomas Billhardt, un evento che si terrà a Palazzo Banci Buonamici fino al 2 dicembre organizzato da Provincia, Comune, l’istituto culturale tedesco Si-po e Unicef.

A presentare la mostra durante una conferenza stampa nella sede della Provincia di Prato lo stesso autore degli scatti Thomas Billhardt, assieme al presidente Francesco Puggelli, agli assessori del Comune di Prato Simone Mangani e Gabriele Bosi, responsabile dei gemellaggi per il Comune e Tiziano Pierucci, vicepresidente di Si-po e assessore del Comune di Montale, in provincia di Pistoia, dove sarà allestita una seconda mostra di Billhardt dal titolo “Alexanderplatz”.

Nel 2009, in occasione del ventesimo anniversario della caduta del muro di Berlino, Billhardt aveva già esposto al Centro Pecci la sua raccolta di fotografie “Era così. Immagini dalla Germania Est 1959-1989”, una mostra che illustrava momenti ufficiali e vita quotidiana della popolazione nella parte orientale del muro (la Repubblica Democratica Tedesca), fino alla sua caduta, il tutto con uno sguardo insieme appassionato e distaccato.

Dopo un ritorno a Prato nel 2020, adesso Billhardt torna con un’esposizione che celebra i bambini del mondo, grazie anche alla collaborazione con Unicef Italia, che proprio il 20 novembre celebra il 75° anniversario della sua fondazione. Per Billhardt i bambini sono la speranza dell’umanità e rappresentano la voglia spensierata di vivere e l’innocenza. I giovani volti ritratti nelle foto mostrano dolore, dispiacere e paura ma anche, e soprattutto, tanta fiducia nel domani. I bambini ''Le persone più belle del mondo'' secondo Billhardt, sono da oltre 60 anni un leitmotiv essenziale della sua fotografia, anche sugli scenari di guerra, dove il suo lavoro artistico mette in luce gli sguardi innocenti colpiti dalla violenza, sguardi che riflettono la ferocia dell'animo umano, più di infinite parole. Da molti anni l'artista collabora con le campagne di sensibilizzazione dell'Unicef e la mostra a Palazzo Banci Buonamici vuole essere anche un momento di riflessione proprio in questo senso. “Non ci poteva essere occasione più gradita per il ritorno di questo grande artista della fotografia a Prato - ha commentato il presidente della Provincia di Prato, Francesco Puggelli - Ospitare la mostra “bambini del mondo” nel palazzo della Provincia ci riempie d’orgoglio. Gli scatti di Billhardt ci costringono ad ampliare lo sguardo e a prendere coscienza delle tragedie che si consumano oltre i nostri confini ma che riguardano tutti noi, perché i bambini sono il nostro futuro, sono la nostra speranza. Billhardt è riuscito a cogliere nel dolore e nelle situazioni più difficili la luce e la gioia che appartengono ad ogni bambino. Una gioia che va preservata e tutelata. Per questo voglio ringraziare Unicef e l’impegno che svolge a difesa dei diritti dell’infanzia da 75 anni in tutto il mondo. Noi istituzioni dobbiamo fare il possibile per supportare, come ci è possibile, questo impegno perché purtroppo sono troppi, davvero troppi i bambini che in tutto il mondo vivono situazioni di violenza e brutalità e che hanno un costante bisogno di aiuto”.  "È un piacere poter ospitare la mostra di Thomas Billhardt in occasione di questo importante anniversario- ha affermato l’assessore alla Cultura del Comune di Prato Simone Mangani- Un artista che conferma un legame particolare con Prato nel nome del suo occhio fotografico globale”. "Ci tengo a ringraziare anche Si-po, l’istituto culturale tedesco che organizza la mostra assieme a Provincia, Comune di Prato e Unicef e che si occupa di organizzare e coordinare le varie iniziative riguardanti i rapporti di gemellaggio che il Comune di Prato ed il Comune di Wangen mantengono da oltre 30 anni”, ha aggiunto l’assessore al Turismo del Comune di Prato, Gabriele Bosi.

Sempre il 20 novembre si terrà a Prato, per celebrare i 75 anni di Unicef un concerto al Teatro Politeama, che vedrà la partecipazione della Corale “San Francesco”, l’Orchestra d'archi della scuola di musica “Giuseppe Verdi”, il Coro dei bambini della scuola primaria “Fabrizio de André” ed il gruppo rock “Fun Cool” insieme a tanti altri ospiti.

 

Thomas Billhardt

Nato nel 1937 a Chemnitz e sopravvissuto alla seconda guerra mondiale, Billhardt si interessa di fotografia grazie alla madre. Dopo aver frequentato la Scuola di Arti Applicate di Magdeburgo, studia arti grafiche e letteratura all'Università di Lipsia. Dopo la laurea lavora per l'Organizzazione della Gioventù nella Repubblica Democratica Tedesca. Costantemente in giro per il mondo come fotografo ufficiale, nel 1961 si reca per la prima volta a Cuba. Quel viaggio è un punto di svolta nella sua vita e attraverso le immagini impara a coniugare il fascino del movimento rivoluzionario con la situazione del paese. Gli incarichi successivi lo portano in Cile, Mozambico, Guinea, Cina e Medio Oriente, dove avverte esperienze simili. Tra il 1962 e il 1985 compie oltre cinquanta viaggi in Unione Sovietica e più di venti in Italia, affascinato dai volti delle persone ma anche dalle contraddizioni sociali. Conosce anche teatri di guerra e per dodici volte raggiunge il Vietnam del Nord dove documenta il conflitto, i momenti di paura e di orrore. Le sue fotografie sono ormai conosciute a livello internazionale, esposte in più di cento mostre da Mosca a New York, mentre più di sessanta film documentari vengono distribuiti in tutto il mondo e importanti riviste come Zeit, Stern, Spiegel, Time Magazine pubblicano i suoi lavori. Dal 1987 collabora con l'Onu e l'Unicef in campagne di sensibilizzazione per la protezione dell'infanzia.

Condividi