Home Page » News e comunicati » LA CAMPAGNA DI SCREENING DELLA PROVINCIA OGGETTO DI UNO STUDIO SULLA RIVISTA "VACCINES"

LA CAMPAGNA DI SCREENING DELLA PROVINCIA OGGETTO DI UNO STUDIO SULLA RIVISTA "VACCINES"

foto
sab 26 dic, 2020

Pubblicata sulla celebre rivista scientifica “Vaccines” di MDPI (Multidisciplinary Digital Publishing) un articolo sulla campagna di screening sierologici promossa - a partire dallo scorso 27 aprile - dalla Provincia di Prato in collaborazione con la Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva dell'Università degli Studi di Firenze, con il Dipartimento di Prevenzione dell’ASL Toscana centro e con la partecipazione dei Comuni di Carmignano, Poggio a Caiano, Vaiano, Vernio, Cantagallo e Montemurlo.

Il presidente Francesco Puggelli, anche in veste di medico, ha partecipato attivamente alla ricerca pubblicata il 19 dicembre scorso e messa i piedi con l’obiettivo di  valutare le dinamiche di trasmissione nei gruppi ad alto rischio durante i mesi di lockdown.
Lavoratori e volontari della Protezione Civile, dipendenti dei Comuni, e personale dell'Azienda Sanitaria che sono stati in “prima
linea” nella prima fase della pandemia sono stati invitati a sottoporsi al test sierologico rapido in modo da poter studiare quanto la circolazione virale sia stata superiore rispetto alle persone rimaste a casa.

In totale sono stati testati 4656 partecipanti. Gli anticorpi anti-SARS-CoV-2 sono stati trovati in 138 soggetti, pari al 2,96% delle persone testate. La sieroprevalenza negli operatori sanitari, nei partecipanti coinvolti nei servizi di supporto essenziale e in coloro che hanno lavorato da casa era rispettivamente del 4,1%, dell’ 1,4% e dell’1 % .

“Lo screening rapido degli anticorpi su ampi gruppi di popolazione può aiutare a monitorare le dinamiche di trasmissione e a valutare l'efficacia delle misure di controllo delle infezioni - dichiara il presidente della Provincia di Prato, Francesco Puggelli - da medico, ancor prima che da presidente, ritengo che questo sia un piccolo ma significativo contributo che abbiamo voluto dare immediatamente, nel giro di poco tempo, dopo l’inizio della pandemia. Con l’arrivo del vaccino, siamo convinti che si possa finalmente dare una soluzione ulteriore all’isolamento che - insieme ai dispositivi di protezione - fino ad oggi è stato l’unico modo che abbiamo avuto per difenderci dal contagio”.

“Ringrazio la Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva insieme a tutti i colleghi medici che hanno partecipato, i Comuni e tutti coloro che si sono sottoposti ai test. Questa pandemia, se mai ce ne fosse stato bisogno, dimostra più che mai quando le scelte della politica debbano essere guidate dalla scienza e la collaborazione tra istituzioni e università è sempre un’arma fondamentale” conclude il presidente.

“I risultati della ricerca - effettuata nella prima ondata epidemica, durante la quale le conoscenze sul virus, sulle sue modalità di diffusione e circolazione, nonché sulla disponibilità di interventi e strumenti idonei a contenerlo erano molto inferiori rispetto all’epoca attuale - hanno mostrato quanto sia importante poter disporre di informazioni provenienti da studi primari, effettuati negli specifici contesti geografici, come abbiamo fatto nel contesto della Provincia di Prato -  aggiunge il professor Guglielmo Bonaccorsi, docente di Igiene generale e applicata dell’Università degli Studi di Firenze -Infatti, seppure i risultati ottenuti siano in linea con quanto rilevato in altre aree del Paese, altre ricerche hanno segnalato un ampio intervallo nei livelli di sieroprevalenza sia in coloro che, a causa della propria professione, sono più esposti al contagio, che nella popolazione generale.  Ciò consente di poter rapidamente condividere con l’autorità politica le informazioni necessarie per mettere in atto le misure generali di contenimento più idonee, così come di lavorare insieme alla popolazione generale e ad alcuni gruppi a maggior rischio sulla condivisione di conoscenze e comportamenti appropriati che ogni cittadino deve porre in essere”.


L’esito della ricerca è stato pubblicato in lingua inglese a questo link: https://www.mdpi.com/2076-393X/8/4/778/htm

Condividi

Notizie e Comunicati correlati

Sono circa 150 i test sierologici donati dalla Provincia al Comando dei Vigili del Fuoco di Prato. La campagna di test ha preso avvio questa mattina, grazie anche alla collaborazione della Misericordia pratese che ha fornito il personale per eseguire ....
mer 14 ott, 2020